Loading...
You are here:  Home  >  Internazionali  >  Current Article

Wikipedia si oscura per protesta. L’enciclopedia online si schiera contro la direttiva UE sul copyright

By   /  25 Marzo 2019  /  No Comments

    Print       Email

La direttiva sarà discussa domani dall’aula di Strasburgo in seduta plenaria. Il testo è frutto di una mediazione ma presenta ancora perplessità per gli articoli 11 e 13. I volontari del sito: “La norma indebolirebbe il web”

Wikipedia si oscura per protesta. La più famosa enciclopedia del web ha deciso sin dalle prime ore della giornata di impedire l’accesso ai contenuti in vista del voto del Parlamento Europeo del 26 marzo, quando la plenaria di Strasburgo voterà la normativa sui diritti d’autore. Secondo i gestori dell’enciclopedia, “la direttiva imporrà ulteriori oneri di licenza ai siti web che raccolgono e organizzano le notizie e forzerà le piattaforme a scansionare tutti i materiali caricati dagli utenti e bloccare automaticamente quelli contenenti elementi potenzialmente sottoposti a diritti d’autore“. Il sito non è direttamente toccato da queste norme ma sostiene che “gli articoli 11 e 13 indebolirebbero il web, e indebolirebbero Wikipedia“. Per visualizzare i contenuti dell’enciclopedia è comunque possibile collegarsi alle versioni di Wikipedia in altre lingue.

Dopo la bocciatura di luglio e l’approvazione di settembre ci sono state diverse negoziazioni che porteranno al voto definitivo di domani. Gli articoli del disegno di legge oggetto di dibattito e citati da Wikipedia sono il numero 11 ed il numero 13. Il numero 11 prevede che le piattaforme multimediali (come Google e Facebook) paghino una somma per i contenuti che utilizzano. Nel caso dei giornali, ad esempio, questa norma riguarda le anteprime degli articoli che spesso sono l’unica fonte di informazione senza nemmeno cliccare sul link. La legge ha perciò il sostegno della Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG) e dell’Associazione Italiana Editori (AIE) e i suoi sostenitori hanno anche comprato pagine dei quotidiani per sostenerne l’approvazione. Una versione simile all’articolo 11 era stata sperimentata in Spagna e aveva portato alla chiusura volontaria di Google News, il principale aggregatore di notizie.  Così tuttavia il traffico sui siti di informazione è calato, portando a diverse critiche.

Il secondo punto dolente riguarda l’articolo 13. Secondo questa norma, le piattaforme online dovrebbero accordarsi con le case editrici, discografiche e cinematografiche per dotarsi di servizi che servano a identificare contenuti coperti da copyright. Un esempio? Youtube. Il sistema “Content ID” – si legge sulla guida della piattaforma – “esamina e confronta i video caricati con il database musicale inviato dal proprietario dei diritti. Quando i contenuti di un video caricato da un utente corrispondono a un’opera appartenente a questo database,” il proprietario “può decidere se monetizzare, bloccare o monitorare il video”. Il punto dolente è però legato ai costi di un simile sistema: più di 60 milioni di dollari. Un costo che non tutte le piattaforme potrebbero permettersi di pagare.

Dal punto di vista politico, la situazione è cambiata. Quando la proposta fu bocciata il 5 luglio, votarono a favore solamente 15 parlamentari del Partito Democratico, 6 di Forza Italia e Raffaele Fitto, ex forzista. Il Partito Democratico tuttavia si divise al momento del voto con 8 parlamentari schierati contro la legge. Dopo alcune modifiche che hanno ad esempio escluso Wikipedia e le piattaforme che non hanno un utilizzo non commerciale dei contenuti dalle norme dell’articolo 11, il nuovo voto ha rappresentato fedelmente la situazione del Parlamento italiano: infatti il Movimento 5 Stelle e la Legahanno votato contro il provvedimento, mentre PD e Forza Italiahanno contribuito alla sua approvazione.

Se il testo, esito dei negoziati terminati in febbraio, verrà approvato e verrà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, i paesi membri avranno due anni per recepirne i contenuti.

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

A Calatafimi Segesta la “Notte dei Tesori Calatafimesi”. Notte bianca fra festa e cultura

Read More →