Loading...
You are here:  Home  >  Notizie nazionali  >  Current Article

Violenza donne, norme M5s: ‘Pene più dure per maltrattamenti, stupro e stalking. Fino a 14 anni per chi sfregia’

By   /  19 Marzo 2019  /  No Comments

    Print       Email

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede è intervenuto in conferenza stampa alla Camera insieme alle deputate Ascari e Spadoni per illustrare il pacchetto emendamenti che sarà presentato alla legge sul Codice rosso in discussione in questi giorni. Tra le misure proposte anche un inasprimento del carcere per chi violenta i bambini che ora rischia fino a 24 anni, oltre al fatto che i reati sessuali sui minori diventino sempre procedibili d’ufficio

Condanne fino a 12 anni, e non più dieci, per chi violenta una donna; aumenti di pena per i reati di stalking e maltrattamenti in famiglia “fino a 7 anni”; estensione di “misure di controllo e prevenzione” come “la sorveglianza speciale per i casi gravi o cambio di dimora per la donna vittima”. Poi un nuovo reato “che punisce severamente chi sfregia una donna” con la reclusione fino a 14 anni. Sono queste le norme che il Movimento 5 stelle ha proposto con un pacchetto di emendamenti alla legge sul Codice rosso, depositati questa mattina, e in discussione in Aula alla Camera la prossima settimana. Tra le proposte anche un inasprimento delle pene per chi violenta i bambini: non solo si prevede il carcere fino a 24 anni, ma i reati sessuali sui minori diventano sempre procedibili d’ufficio.

Ad annunciare le misure con un’intervista a Repubblica è stato il ministro delle Giustizia Alfonso Bonafede che poi, nel pomeriggio, ha anche partecipato alla conferenza stampa di presentazione insieme alle deputata M5s Stefania Ascari eMaria Edera Spadoni. “Dobbiamo fare di tutto perché il femminicidio non si verifichi, ma se avviene, la pena non deve lasciar nessuno scampo e nessun margine di giustificazione”, ha detto ai giornalisti. “Non c’è spazio perché possa anche solo ventilarsi una prospettiva di delitto d’onore. Appartiene al passato e non ha niente a che fare con lo stato di diritto”. Il riferimento è alle polemiche degli ultimi giorni su alcune sentenze per femminicidio con pena attenuata. Sul merito si era espresso anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dichiarando in un post su Facebook che “nessuna reazione emotiva o sentimento può giustificare o attenuare la gravità di un femminicidio”.

Le norme M5s ora dovranno affrontare l’esame del Parlamento: “Mi piacerebbe”, ha detto Bonafede, “che questo pacchetto di norme che non avesse colore politico, e che il Parlamento si impegnasse a dare un segnale di compattezza di fronte all’emergenza sociale che questo Paese sta vivendo e rispetto alla quale non solo lo Stato non deve indietreggiare, ma ha il dovere di andare avanti a cercare situazioni di debolezza e fragilità e dire a quelle persone, donne e minori, lo Stato è al vostro fianco“.

Bonafede, nell’intervista a Repubblica della mattina, era anche intervenuto sul convegno di Verona sulla famiglia, manifestazione sostenuta da associazioni antiabortiste e contro i diritti Lgbtq. All’evento parteciperanno vari esponenti della Lega, tra cui il vicepremier Matteo Salvini e i ministri Bussetti e Fontana. “Ognuno organizza i convegni che vuole”, ha detto Bonafede. “Chiaramente io, in un convegno di quel tipo, non andrei mai, perché considerando alcuni ospiti mi pare che le lancette dell’orologio sulla concezione della donna vengono spostate indietro di qualche secolo. E in un momento come questo invece le istituzioni e gli uomini delle istituzioni devono dare un segnale completamente diverso”. Al Guardasigilli ha replicato il vicepremier M5s Luigi Di Maio, che ha voluto ringraziarlo pubblicamente: “Grazie Alfonso, grazie perché questo è un importante passo di civiltà in un momento in cui il Paese ne ha veramente bisogno”. Ed è poi ritornato a parlare del congresso di Verona, dopo che nei giorni scorsi già aveva detto che la Destra che partecipa a quelle manifestazioni è una “destra di sfigati”: “Ve lo dico: se qualcuno di voi pensa che la donna debba restarsene a casa a farsi dire quello che deve fare”, ha detto, “allora il Movimento 5 stelle non è per voi. Io a un convegno come quello di Verona, dove si arriva persino a negare il tema della violenza contro le donne, non ci vado. E non ci andrà nessun parlamentare del Movimento! Noi abbiamo un’altra idea di mondo. Noi pensiamo che la famiglia sia sacra, ma crediamo anche nelle libertà, nei valori, nel progresso. E vi dirò: questi valori a me li ha insegnati proprio mia madre!”.

Nel corso della conferenza stampa è intervenuto anche il sottosegretario alle Pari opportunità Vincenzo Spadafora: “La battaglia delle donne è una battaglia di questo governo. Il governo investirà anche quest’anno risorse importanti sul Piano nazionale antiviolenza. Vengono confermati i 35 milioni dello scorso anno e se possibile li aumenteremo. Una parte di questo fondi andranno alle Regioni, il resto saranno investiti dal governo. E su questo faremo un netto cambiamento sul modo in cui sono state gestite le risorse dal precedente governo che ha finanziato decine e decine di progetti a mio avviso anche discutibili che poco avevano a che fare con la violenza sulle donne. Sosterremo l’attività dei centri antiviolenza che prima avevano ricevuto molte meno risorse di quanto avevano bisogno. Una parte sarà utilizzate per un Fondo per le vittime di violenza”. E ha concluso: “In Italia ci sono ad oggi 338 centri antiviolenza e controlleremo se svolgono la loro funzione altrimenti verranno chiusi. Uno degli emendamenti presentati abolisce un comma che destinava il 33% dei fondi dati dalle Regioni ai centri antiviolenza, a nuove strutture. Questo ha visto proliferare nuove strutture che non rispondevano a tutti gli standard”.

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Emergenza rifiuti nel trapanese, il Sindaco Rizzo: “A breve riapertura impianto organico. Chiesto intervento del prefetto”

Read More →