Loading...
You are here:  Home  >  Costume e Società  >  Current Article

Viene dalla Danimarca il metodo per crescere bambini felici

By   /  21 Ottobre 2016  /  No Comments

    Print       Email

A LEZIONE di felicità fin da piccoli. Perché è un’arte che si impara da bambini. Genitori sereni e gioiosi crescono ragazzini simili a loro. Ed esiste un metodo per capire come ‘insegnare’ la leggerezza. Da 40 anni la Danimarca domina il World Happiness Report, la classifica dei paesi più felici delle Nazioni Unite, tanto da diventare oggetto di diversi studi. Jessica Joelle Alexander, una giornalista laureata in psicologia, e la psicoterapeuta a Iben Dissing Sandahl hanno deciso di scoprire scoprire perché. Sono convinte di aver trovato ‘la ricetta’ di un mondo perfetto: un mix di empatia, rispetto del valore dell’altro, di lavoro di squadra, di autostima e la fiducia in se stessi, che spiegano nel libro: “Il metodo danese per crescere bambini felici” (Newton Compton Editori- 10 euro).
 
A scuola. “Nelle scuole danesi – spiega Jessica Joelle Alexander – si insegna l’empatia fin dai primi mesi di vita. Ma ci sono altri punti importanti in questo tipo di educazione: il gioco libero e cercano di non nascondere nulla ai figli su tutti gli aspetti della vita, cercando di non esagerare con le lodi. L’obiettivo è premiare sempre lo sforzo del bambino, non il risultato. Lo sforzo continuo dei genitori è quello di trovare i dettagli più positivi in una situazione negativa o di formularla in modo diverso”.
 
Penso positivo. Un comportamento ‘positivo’ ha un influsso diretto sui bambini che apprendono fin da piccoli ad affrontare le situazioni critiche. Niente panico e tranquillità per andare avanti con leggerezza. E la sicurezza di mamma e papà rende i figli equilibrati e sicuri. “Interpretare le situazioni in un determinato modo ha un effetto diretto sull’umore e sulla felicità – aggiunge Alexander – . Bisogna rimodulare ogni cosa con i bambini, non alzare mai le mani per sculacciarli. E’ vietato anche urlare e sgridarli in modo aggressivo. La parola che uso per definire tutto questo è Hygge. ‘Stare insieme in modo accogliente’ è un valore danese”.
 
Niente sculacciate. In Danimarca sono vietati anche schiaffi, sculacciate e qualsiasi tipo di punizioni corporali. “Sono vietati in 49 paesi e tra questi la Francia. La severità e le punizioni allontanano i bimbi dai genitori, interrompono la comunicazione. Creano paura, ansia e nervosismo. I danesi puntano a far capire le regole ai più piccolo”, aggiunge Alexander.

Niente compiti a casa. Nel metodo di studio c’è un’importante differenza con la didattica italiana. Quando sono piccoli i ragazzini danesi, ma anche quelli finlandesi, non hanno mai compiti dopo la scuola. Niente pomeriggi a casa con la testa sui libri. Un altro punto chiave è l’empatia, perché per i danesi è la chiave di ‘una società felice’ in quanto è alla base della coesione sociale. “Nelle scuole il 50-60% delle attività è un lavoro di squadra. Questo li aiuterà quando cresceranno. In Italia e negli Usa ci si concentra di più sul lavoro individuale. E’ assurdo perché nelle aziende conta il lavoro in team, quello che si fa con i colleghi”.

Empatia e giochi. Lavoro di squadra per il quale fin da piccoli è bene capire le regole per accettare le differenze, accettare gli altri. “Anche l’empatia è fondamentale e abbiamo scoperto che va insegnata a scuola. In Danimarca c’è molta empatia fra gli individui, perché si sa come insegnarla. E’ un punto di forza per diventare buoni manager, ma anche per prendere decisioni importanti nella propria vita privata. Porta benessere”.  Dal 1871 in Danimarca anche il gioco libero è considerate strumento di crescita. Aiuta a sviluppare tattiche, rende empatici e, secondo alcune tesi, combatte lo stress.
 
Le mamme italiane. A questo punto bisogna chiederselo. In che cosa sbaglia la mamma italiana? “Fare il genitore è il lavoro più difficile del mondo – spiega ancora Alexander – . Ogni paese ha un suo modo di crescere i bambini. Bisogna però considerare che la Danimarca è da 40 anni lo stato con il maggior indice di felicità. Per questo

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Calatafimi Segesta: ieri il primo incontro fra Associazioni e Amministrazione

Read More →