Loading...
You are here:  Home  >  Ambiente  >  Current Article

Una rete contro gli incendi: l’azione del Coordinamento Salviamo i Boschi

By   /  25 Settembre 2020  /  No Comments

    Print       Email

Il Coordinamento Salviamo i Boschi, nato dopo i devastanti incendi del 2017 grazie all’iniziativa di alcune associazioni che già da anni si occupavano di salvaguardia dei boschi in Sicilia occidentale, allarga adesso la sua rete al resto dell’Isola. Al gruppo iniziale, che comprendeva anche sigle storiche dell’ambientalismo come Italia Nostra e WWF, si sono aggiunti adesso FAI, Libera, BCsicilia, molte giovani associazioni come Thàlia APS, Trapani per il futuro, Vivere Slow (solo per citarne alcune), nonché comitati civici come Salviamo i boschi Sicilia Orientale, il Comitato Antudo Lentini e il neo costituito Istituto Terra, che raccoglie la protesta spontanea di tanti cittadini e operatori turistici dell’area di San Vito e Castellammare del Golfo. Un totale di 27 gruppi, provenienti da varie province della Sicilia e con storie diverse alle spalle, tutti uniti dalla convinzione che non c’è più tempo da perdere: l’emergenza incendi deve diventare una priorità nell’agenda della politica regionale, così come l’intera questione ambientaleCi sono tante azioni concrete da mettere in pratica, a partire dagli interventi di prevenzione che devono essere eseguiti entro il 15 giugno e non a fine stagione o dall’uso di mezzi di controllo più moderni ed efficaci (tanto per fare qualche esempio),fino ad arrivare a una riforma della Forestale e a una nuova legge quadro per la salvaguardia delle riserve naturali e del patrimonio boschivo. Ma bisogna farlo subito, prima che il dissesto del territorio provocato dai roghi diventi irreparabile.

Per dare forza alle proprie richieste il Coordinamento ha anche lanciato una petizione su Change. Org che, grazie alla collaborazione tra promotori di altri appelli simili comparsi nei giorni scorsi in piattaforma, ha già raggiunto più di 40.000 firmeLa conferma che i cittadini sono stanchi di promesse e che la richiesta di affrontare l’emergenza incendi in Sicilia come una priorità assoluta è condivisa da una fetta consistente di opinione pubblica.

In questa battaglia di civiltà contro l’arroganza mafiosa di chi tiene in scacco il territorio ad ogni ventata di scirocco, incurante del fatto che con gli incendi, insieme agli alberi, va in fumo anche una parte del nostro futuro, abbiamo intenzione di seguire tutte le vie, comprese quelle legali.

Dopo la denuncia presentata alla Procura di Trapani nel 2017 le associazioni del Coordinamento stanno preparando un nutrito dossier sugli incendi dell’estate 2020 che andrà a integrare il precedente fascicolo.
La denuncia questa volta sarà portata avanti da un pool di avvocati di Trapani e Palermo, determinati a seguirne l’iter fino all’auspicabile istruzione di un processo con conseguente costituzione di parte civile delle associazioni e di tutti i soggetti interessati.

24.09.2020
https://www.facebook.com/salviamoiboschisicilia salviamoiboschisicilia@gmail.com

I testi degli appelli da firmare:

https://www.change.org/p/presidente-della-regione-sicilia-basta-roghi-basta-promesse

https://www.change.org/p/presidente-regione-misure-per-la-prevenzione-incendi-boschivi

https://www.change.org/p/presidente-della-regione-sicilia-esigiamo-una-risposta-adegagli-incendi-dolosi-in-sicilia

Le associazioni e i comitati che fanno rete all’interno del COORDINAMENTO SALVIAMO I BOSCHI 2020

  1. Ass. Circolo Metropolis – Castellammare
  2. Ass. Bosco Angimbè – Calatafimi-Segesta
  3. Ass. Ecò – Unione ecologisti – Alcamo
  4. Ass. Italia Nostra sez. Trapani
  5. Ass. Oasi Zen – Trapani
  6. Gruppo Micologico T.Pocoroba – Valderice
  7. Unione prov. Movimento Cristiano Lavoratori TP
  8. Ass. “PEPPINO IMPASTATO” Cinisi
  9. Ass. Laurus Ambiente Alcamo
  10. Ass. “ALTROVE APS” Trapani
  11. Ass. No Marine Resort – San Vito
  12. Ass. Zingaro e non solo – C/mare Golfo
  13. Ass. Thalia APS – Alcamo
  14. Comitato Istituto Terra – Macari/San Vito
  15. Ass. Vivere Slow – Contessa Entellina
  16. Ass. Creativiorizzonti – Valle del Belice
  17. Comitato Antudo Lentini
  18. Coordinamenti per il territorio contro la Discarica di Armicci e Bonvicino
  19. Ass. Albergatori Castellammare San Vito
  20. Ass. AOTS San Vito Lo Capo
  21. Delegazione FAI di Trapani
  22. Presidio Libera Castelvetrano
  23. Salviamo i boschi-NaturAmbiente ODV Giarre
  24. Presidio Libera Alcamo
  25. Ass. CambiAmenti Castellammare
  26. Ass. BC Sicilia
  27. Ass. Luminaria Palermo
The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

  • Pubblicità




You might also like...

La mappa delle chiusure nelle Regioni, l’allarme di De Luca e Fontana. Record di casi in Campania e Lombardia, circa 8mila

Read More →