Loading...
You are here:  Home  >  Internazionali  >  Current Article

Trattato Aquisgrana, Francia e Germania firmano accordo: vertici a 2, zona franca e l’impegno per un seggio tedesco all’Onu

By   /  22 Gennaio 2019  /  No Comments

    Print       Email

L’asse franco-tedesco si rafforza e si rinnova. A 56 anni esatti dalla firma del Trattato dell’Eliseo, il 22 gennaio 1963, quando i presidenti Charles de Gaulle e Konrad Adenauer si incontrarono nel palazzo di Parigi per sancire la fine degli storici contrasti tra i due Paesi, Francia e Germania hanno firmato un nuovo accordo, ad Aquisgrana, necessario per motivi diversi rispetto a quelli del primo incontro: “Questo trattato sarà siglato in un’Europa completamente diversa, dove non esiste più il pericolo sovietico, che oggi potrebbe essere rappresentato dal pericolo russo ma con caratteristiche decisamente diverse, e nemmeno il protettorato americano, con gli Usa che hanno spostato il proprio sguardo nel Pacifico – commenta il filosofo, politologo e germanista Angelo Bolaffi – Oggi, con l’ascesa dei cosiddetti sovranismi, la priorità è quella di creare un forte e compatto nucleo europeista nel cuore dell’Unione”.

La firma congiunta di Emmanuel Macron e Angela Merkel, oltre a ribadire l’importanza simbolica di una partnership intraeuropea tra i due Paesi, introduce importanti novità. Innanzitutto, i due Paesi si confronteranno preventivamente in vista di importanti riunioni a livello europeo, così da assumere posizioni comuni e arrivare anche a dichiarazioni congiuntesu tematiche di primaria importanza come difesa e sicurezza: “In primis, possiamo considerare questo accordo la fase embrionale di un futuro esercito europeo – dice Bolaffi – In un contesto mondiale con potenze come Russia, Stati Uniti e Cina, l’Europa ha bisogno di aumentare il proprio peso, anche nel campo militare e della Difesa. Non si tratta solo di un accordo a livello europeo, ma mondiale, come testimonia anche un’altra delle priorità contenute nell’accordo: l’impegno francese per riservare un seggio permanente per la Germania alle Nazioni Unite. Un’opzione non gradita certamente agli Stati Uniti e ad altri governi europei, in special modo a quello italiano, Paese fondatore di grande importanza che così rimarrebbe un passo indietro a livello europeo rispetto a Francia e Germania. L’altra opzione sarebbe convertire il seggio francese in seggio europeo, ma non credo sia al momento un’opzione sul tavolo”.

Altra grande novità dell’accordo è quella che vuole la creazione di una sorta di zona franca al confine tra i due Paesi, dove il bilinguismo e il rafforzamento degli scambi commercialidovrebbero stringere ulteriormente il legame tra i due Paesi. Una scelta che ha scatenato le proteste delle formazioni nazionaliste, soprattutto in Francia: “Da un punto di vista simbolico, il fatto che le terre degli storici scontri franco-tedeschi diventino luoghi di scambio è un grande segnale in vista delle Europee di maggio e un messaggio per tutti quei Paesi, prima fra tutti l’Italia, che oggi guardano ai governi che puntano a minare la stabilità e l’unità europea. Non esiste Europa senza pace e unità tra Francia e Germania e non esistono Francia e Germania forti senza l’Europa”.

Secondo il politologo, quello che sarà firmato ad Aquisgrana rappresenta anche il prototipo di accordo che, in futuro, dovrà diffondersi in tutta Europa: “Un embrione di Europa a più velocità? L’Ue viaggia già a più velocità, basta pensare che alcuni Paesi membri non sono nell’Unione monetaria. Ma un’Unione compatta deve puntare su accordi bilaterali intraeuropei come questo. Accordi che non hanno come obiettivo quello di escludere gli altri Stati membri, creare un club esclusivo, ma di integrare i Trattati europei che tutti i Paesi sono tenuti a rispettare”.

I governi critici nei confronti dell’accordo vedono in esso un nuovo tentativo dell’establishment europeo, soprattutto quello tedesco, di imporre la propria linea sul resto dei membri: “Se la Germania decide la si critica, se non decide la si critica lo stesso – continua Bolaffi – Non è corretto dire che conducono una politica decisionista e autoritaria, perché il ruolo trainante e la leadership di Berlino sono importanti per spingere la macchina europea. Questa firma rappresenta però anche un endorsement di Angela Merkel nei confronti di Macron e questo potrebbe indicare la strada scelta dai due leader in Europa e in funzione anti-sovranista”.

Un messaggio chiaro, secondo Bolaffi, a tutti quei Paesi che mettono in discussione questa unità, compresa l’Italia che, con questo accordo, viene momentaneamente allontanata dal nucleo dell’Unione: “È inevitabile – conclude – ma non si tratta di una scelta di Francia o Germania, bensì di una decisione politica del governo italiano. Roma deve decidere che ruolo vuole ricoprire in Europa nel prossimo futuro: se vuole continuare a essere un Paese importante, parte del cuore di questa Unione, oppure continuare a tenere un atteggiamento che porta solo a convocazioni dei nostri diplomatici nelle sedi istituzionali straniere. Il governo italiano sembra orientato a mantenere le proprie posizioni, visto che Macron viene indicato da entrambe le forze di governo come il nemico pubblico numero uno e la Merkel lo segue poco distante. Ma con chi abbiamo intenzione di parlare? Con chi ci relazioneremo ai nostri confini? L’Austria, con la quale ci sono alcune affinità in materia di immigrazione, non prenderà mai le distanze da Berlino, mentre la Slovenia ha un peso specifico limitato. Vogliamo veramente ritrovarci a scavalcare l’Europa centrale per andare a dialogare con Varsavia?”.

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Castellammare del Golfo, frana ancora costone sulla statale 187: strada chiusa in via precauzionale

Read More →