Loading...
You are here:  Home  >  Notizie nazionali  >  Current Article

Sostegni bis, come cambiano i ristori. Nuovi aiuti in 3 tranche: a fine anno conguaglio per le attività che nel 2020 hanno visto calare gli utili

By   /  22 Giugno 2021  /  No Comments

    Print       Email

Il provvedimento approvato dal Cdm stanzia 15,4 miliardi per i contributi a fondo perduto. Confermata una nuova tranche di aiuti “automatici”, identici a quelli già riconosciuti con il primo decreto. Ma ci sono anche due novità: un ricalcolo della somma basato sul calo di fatturato nel periodo 1 aprile 2020 – 31 marzo 2021 e un ulteriore ristoro incentrato sul risultato d’esercizio

C’è il contributo “classico“, lo stesso già riconosciuto con il primo decreto, a cui si aggiungono quello basato sul nuovo calcolo del calo di fatturato e quello incentrato sul calo degli utili. Il decreto Sostegni bis, fresco di approvazione da parte del Consiglio dei ministri, destina complessivamente ai ristori a fondo perduto15,4 miliardi di euro. Cosa cambia rispetto al passato? C’è il contributo automatico, per cui sono stati stanziati 8 miliardi: la stessa somma già riconosciuta col primo decreto sostegni agli operatori economici colpiti dalla pandemia. Ma ci sono anche due novità. Innanzitutto, la possibilità di chiedere un ricalcolo del ristoro: non più in base al calo di fatturato nel 2020, ma nel periodo tra il 1 aprile 2020 e il 31 marzo 2021 rispetto al periodo precedente. Una richiesta che può essere fatta anche da chi non ha ricevuto un contributo con il primo decreto: per questo sono stati stanziati altri 3,4 miliardi. Inoltre, è prevista la possibilità di chiedere un ulteriore ristoro “a conguaglio“, calcolato sul risultato d’esercizio 2020 (la differenza tra ricavi e costi): i fondi stanziati ammontano a 4 miliardi di euro. L’altra novità, infine, è un fondo da 100 milioni per le aziende rimaste chiuse per almeno 4 mesitra il primo gennaio e maggio 2021.

Ecco come funziona il nuovo meccanismo di ristori previsto dal governo Draghi nel Sostegni bis:

I ristori “automatici” – I primi 4 comma dell’articolo 1 sono appunto dedicati ai ristori “automatici”: sono identici a quelli previsti dal primo dl Sostegni. Chi ha già ricevuto il contributo a fondo perduto, si vedrà riconosciuta quindi una somma uguale, che sarà versata dall’Agenzia delle entrate direttamente sul conto correntebancario o postale sul quale è stato erogato il precedente contributo, oppure sotto forma di credito d’imposta, se il richiedente avesse già effettuato questa scelta per il primo contributo.

I ristori “alternativi” – Il decreto prevede anche un contributo a fondo perdutoalternativo, riconosciuto sulla differenza di fatturato del periodo dal 1 aprile 2020 al 31 marzo 2021, che deve essere inferiore almeno del 30% rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo precedente, dal 11 aprile 2019 al 31 marzo 2020. Per concedere questi ristori quindi non si tiene conto del calo di fatturato nel 2020 rispetto al 2019, ma si guarda nello specifico ai mesi in cui le attività sono state direttamente colpite dalle chiusure per via dellapandemia.

Chi può chiedere il ricalcolo? Lo può fare innanzitutto chi ha già ricevuto il contributo a fondo perduto previsto dal primo dl Sostegni. La presentazione dell’istanza non preclude la possibilità di vedersi negata la somma “automatica”, che viene versata in ogni caso. Se poi dal ricalcolo emerge che il richiedente ha diritto a un contributo superiore, l’integrazione gli verrà successivamente versata sul conto corrente o erogata sotto forma di credito d’imposta. Se dal ricalcolo si arriva a una somma inferiore, invece, non è prevista una decurtazione del ristoro. Restano identiche le percentuali di ristoro60% della perdita per chi nel 2019 abbia fatturato fino a 100mila euro, 50% sopra i 100mila e fino a 400mila, 40% sopra i 400mila e fino a 1 milione, 30% sopra 1 milione e fino a 5 milioni, 20% sopra i 5 milioni e fino ai 10. Oltre quella soglia non spetta, ancora una volta, alcun ristoro.

Può chiedere il ristoro “alternativo” anche chi è rimasto escluso dai contributi previsti con il primo decreto. Per loro, però, le percentuali di ristoro sono state aumentate, come parziale “risarcimento” per il fatto di non aver più ricevuto nessun aiuto in questi mesi. Nello specifico: 90% della perdita per chi abbia fatturato fino a 100mila euro, 70% sopra i 100mila e fino a 400mila, 50% sopra i 400mila e fino a un milione, 40% sopra un milione e fino a 5 milioni, 30% sopra i 5 milioni e fino a 10 milioni di euro. Per tutti i soggetti, però, l’importo del contributo non può essere superiore a 150mila euro.

I ristori sul risultato d’esercizio – Il Sostegni bis al comma 16 dell’art.1 prevede poi un ulteriore contributo a fondo perduto, a condizione che vi sia un peggioramento del risultato economico d’esercizio relativo al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2020, rispetto a quello relativo all’anno precedente. In questo modo, quindi, non si tiene conto del calo del fatturato ma del calo degli utili, su cui pesano anche i costi e non solo la flessione dei ricavi. I tempi di erogazione di questi ristori però non saranno rapidi. Innanzitutto, per fare richiesta bisogna aver presentato la dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2020. Per aver diritto al contributo, deve essere presentata entro il 10 settembre 2021. Inoltre, non sono ancora state definite le percentuali dei ristori: sarà fatto con un ulteriore decreto del ministro dell’Economia. È certo però che il contributo non potrà superare anche in questo i 150mila euro.

Il fondo per le attività chiuse – Arriva, infine, un fondo da 100 milioni per le aziende rimaste chiuse per almeno 4 mesi tra gennaio e maggio. La platea e lo stanziamento verranno determinati con decreto del ministero dello Sviluppo economico, con cui saranno anche individuate le modalità di erogazione della misura tali da garantire il pagamento entro i successivi trenta giorni.

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

  • Pubblicità




You might also like...

Assegno unico 2021 per i figli, domande dall’1 luglio al 30 settembre: come richiederlo e a chi spetta

Read More →