Loading...
You are here:  Home  >  Costume e Società  >  Current Article

Quando Cristaldi voleva realizzare un insensato “parco mistico” a due passi da Segesta

By   /  31 Gennaio 2019  /  No Comments

    Print       Email

Tre enormi statue di cemento e acciaio, alte 20 metri, raffiguranti Papa Woityla, Padre Pio e Madre Teresa di Calcutta. Tutte e tre messe in fila sui costoni non molto distanti dal parco archeologico di Segesta. Era questo il parco mistico, il progetto che venne in mente a Nicola Cristaldi quando fu già sindaco di Calatafimi.

Adesso, l’attuale sindaco di Mazara del Vallo, ha deciso di candidarsi nuovamente con il movimento I Futuristi da lui fondato a sindaco di Calatafimi-Segesta, dove ha guidato l’amministrazione comunale per dieci anni dal 1997 al 2007. E chissà se vorrà ripresentare quel progetto tanto criticato e osteggiato. Era il 2002 quando a Cristaldi venne in mente di realizzare il “parco mistico”. Un progetto che riguardava una zona vicina all’area archeologica di Segesta e non all’interno di Calatafimi Segesta quindi.

Cristaldi, allora venne fermato da una protesta trasversale. 10 mila firme raccolte, una marcia di protesta di 2500 persone. Secondo Cristaldi il “parco mistico” avrebbe fatto incrementare il turismo religioso, attirando 250 mila fedeli l’anno. Una piccola Lourdes in salsa siciliana. Un progetto che cristaldi presentò all’Assessorato al Territorio e alla Soprintendenza ai Beni Culturali. Costo: 5 milioni di euro. Esito: bocciato. Ma non fu solo l’assessorato a bloccare il progetto. Un gruppo di associazioni ambientaliste, da Legambiente a WWF, e sigle politiche come Rifondazione Comunista e Verdi, il 2 giugno 2002 si mise in marcia lungo il vecchio sentiero che costeggia il parco. E’ vero che il progetto venne bloccato. Ma il consiglio comunale, nel 2004, con ancora Cristaldi sindaco, approvò ugualmente il piano regolatore che consentiva la realizzazione di due strade che erano comprese nel progetto del “parco mistico”.

Il progetto prevedeva la realizzazione di tre volti di dimensioni varie di cui: Papa Woityla dimensioni 15x20x12 di profondità, Padre Pio 12x15x12,50 e Madre Teresa di Calcutta di dimensioni leggermente inferiori.
Tali costruzioni prefabbricate in cemento e acciaio sarebbero state ancorate ai costoni che si vedono salendo per Calatafimi dalla S.S.113, proprio sopra il santuario di Mango (VI-V sec. a.C.); a valle del santuario sarebbe stato realizzato uno spiazzo che si collegava tramite una strada (larga m.5 e lunga km.1,7) al terminal, dove sosteranno i pullman e le autovetture dei visitatori, sito nelle vicinanze della cantina Kaggera.

Il percorso della strada avrebbe attraversato terreni privati da requisire e costeggerà il fiume Kaggera, con notevoli forzature dal punto di vista costruttivo, in quanto si dovevano realizzare tunnel e tratti di strada in trincea con muri di contenimento etc., e il fiume stesso sarebbe stato attraversato in più punti (sono stati previsti ben tre ponti con struttura mista cemento-acciaio).
Un progetto molto invasivo per un’area storica meta, questa sì, di centinaia di migliaia di turisti ogni anno. Il comitato “No al Parco Mistico” fece una battaglia molto dura.
Ecco cosa scriveva nella petizione nel 2002.


“Con tale progetto si verrebbe a stravolgere ed aggredire non solo la natura di uno luoghi più belli della zona (il Vallone della Fusa), ma anche l’identità di un sito archeologico tra i più importanti d’Italia nel quale si sono succedute le più varie civiltà da quella elima a quella greca a quella arabo-normanna. Inoltre l’installazione dei tre volti mistici al solo scopo di incentivare l’economia locale, come viene candidamente affermato dagli stessi promotori dell’iniziativa, offende lo spirito religioso dei veri credenti riducendo il fascino sacro che indubbiamente aleggia nella zona ad un puro strumento di speculazione.
Ce n’è abbastanza per essere indignati come fedeli, come laici (quali siamo), come studiosi e come semplici cittadini attenti al proprio ambiente e alle proprie radici storiche.
Con lo specchietto per allodole dell’occupazione e del rilancio economico della zona si vorrebbe far passare l’ennesimo atto di vandalismo ambientale, spacciato per occasione di sviluppo.

Noi diciamo invece che LO SVILUPPO E’ GIA’ LI’: è nel parco archeologico, nel suo potenziamento e non nel suo stravolgimento, nella bellezza dei luoghi visitati ogni anno da mezzo milione di turisti.
E’ a partire da ciò che c’è, e che andrebbe diversamente valorizzato, che si possono porre le condizioni per uno sviluppo compatibile e duraturo.
Il santuario di Mango, ad esempio, è sconosciuto ai più , mancano le attrezzature museali, gli scavi andrebbero potenziati per portare alla luce la città antica e soprattutto manca un’attenta politica di promozione culturale ed adeguate strutture di servizio”.

Chissà se a Cristaldi verrà in mente di riproporre il progetto nel caso di elezione. Magari, se proprio non ce la fa con le statue, può portare con se la ceramica, anche quella a sua firma Hajto, che ha fatto mettere in giro per Mazara, e che puntualmente gli rompono.

Articolo di TP24

Nota: Dal alcuni documenti e testimonianze emerse sembra inoltre che all’Assessorato Regionale avevano esortato più volte l’allora Sindaco Cristaldi a cambiare semplicemente progetto per ricevere un finanziamento da circa 3 milioni per la città, ma l’Onorevole Cristaldi e la sua amministrazione piuttosto che cambiare progetto e rinunciare alla folle idea del Parco Mistico, fece perdere quel finanziamento privando la città di un fortissimo incentivo. 

 

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

A Calatafimi Segesta successo per la prima “Notte dei Tesori Calatafimesi”

Read More →