Loading...
You are here:  Home  >  Notizie nazionali  >  Current Article

Misure anti-Covid, terminato il vertice tra Speranza e Cts: ok alla quarantena di 10 giorni e a un solo tampone di controllo in uscita

By   /  11 Ottobre 2020  /  No Comments

    Print       Email

La riunione urgente tra il ministro della Salute e il Comitato tecnico-scientifico: via libera degli esperti alla quarantena accorciata da 14 a 10 giorni, come già succede in Germania. E per uscire dall’isolamento basterà un solo test negativo. Verso il nuovo dpcm: Boccia ha già convocato per lunedì la cabina di regia con le Regioni. Di Maio: “Entro fine anno le prime dosi di vaccino”

Scende a 10 giorni la quarantena e per i positivi basta un solo tampone negativoper uscire dall’isolamento. Sono le due principali decisioni prese oggi dal Comitato tecnico-scientifico, riunito per tutto il pomeriggio nella sede della Protezione civileinsieme al ministro della Salute Roberto Speranza. La curva dei contagi continua a salire – anche oggi più di 5mila casi – e il governo vuole approvare le nuove misure anti-covid che puntano a introdurre restrizioni ora per evitare un nuovo lockdown. Intanto, scrive l’Ansa, ha ricevuto il via libera degli esperti del Cts una delle novità già annunciate: come già succede in Germania, anche in Italia la quarantena sarà accorciata da 14 a 10 giorni. E per uscire dall’isolamento basterà un solo tampone: se il test di controllo sarà negativo si potrà uscire di casa e tornare a lavorare o a scuola.

Il Dpcm arriverà all’inizio della prossima settimana: il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia ha già convocato per lunedì la cabina di regia con le Regioni e gli enti locali per fare il punto con governatori e rappresentanti dei territori sulle misure. “L’Italia non può permettersi un nuovo lockdown, non se lo può permettere il sistema economico e quello commerciale”, ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a Mezz’ora in più, su RaiTre. “Non dico che siamo all’ultimo miglio”, ha aggiunto Di Maio, ma “grazie all’accordo con Oxford University entro fine anno avremo le prime dosi del vaccino. E dall’inizio dell’anno prossimo inizieremo le vaccinazioni“.

L’Italia ha saputo frenare il Covid meglio di altri Paesi europei che oggi vivono una crisi ben peggiore, ma i numeri preoccupano. Sabato il ministro Speranza ha ribadito che “l’obiettivo è evitare misure più drastiche” e questo lo si può fare “solo alzando ulteriormente il livello di attenzione“. Il vertice tra il ministro e il Comitato tecnico scientifico è servito a preparare le restrizioni pensate per fermare la crescita dei positivi: la chiusura dei bar e delle rivendite di alcolici alle 24 e il divieto di consumare davanti ai locali fin dalle 21. Ma anche i limiti per le feste private, nonché per gli sport amatoriali di contatto, come il calcetto. Sabato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha discusso del provvedimento a Palazzo Chigi con i ministri Speranza e Boccia, il sottosegretario alla Presidenza, Riccardo Fraccaro e i capidelegazione. La riunione è durata oltre 3 ore, la posizione è sostanzialmente unanime, chiudere qualcosa ma non troppo.

Cosa sappiamo sul nuovo Dpcm
Sarà ulteriormente incoraggiato lo smartworking: per quanto riguarda la pubblica amministrazione, il governo vuole portare al 70% le attività degli uffici pubblici da svolgere da casa. Da settembre per i dipendenti pubblici era iniziato il rientro e le attività da svolgere in remoto si fermavano al 50% del personale, dove compatibile con il tipo di mansione svolta.

Alcune restrizioni potrebbero riguardare lo sport di contatto a livello amatoriale. L’attività fisica di questo tipo infatti aumenta la probabilità di contagio e per questo il governo è orientato a vietare le partite di calcetto, così come di basket a altri sport di squadra. Al momento però resta sicuramente escluso lo sport professionistico.

I limiti alle feste private riguarderanno soprattutto il numero di persone presenti per ricevimenti, matrimoni o battesimi: il governo valuta di consentire al massimo30 partecipanti. Delle restrizioni potrebbero essere introdotti anche per le cene a casa, probabilmente però sotto forma di raccomandazione.

I contorni della stretta sulla movida sembrano invece già più definiti: chiusura di bar, locali e ristoranti alle 24 e divieto di consumare in piedi davanti ai locali fin dalle 21. Inoltre, lo stop alla vendita di alcolici da una certa ora. Si queste restrizioni però i governatori sono già pronti a opporre resistenza.

La scuola
“Non c’è alcuna ipotesi di provvedimenti restrittivi per le scuole. Il Governo non ne ha affatto discusso. E sarebbe strano il contrario: i dati ci confermano che le scuole sono luoghi molto più sicuri di altri”, ha scritto sui social la ministra dell’istruzione Lucia Azzolina, smentendo la possibilità di nuovi provvedimenti riguardanti gli alunni e le lezioni in presenza. “A scuola ci sono regole, anche molto stringenti, che studenti, studentesse e personale stanno rispettando con grande senso di responsabilità. Credo poi che vada fatta una riflessione seria su tutte quelle attività, anche ricreative, che riguardano i nostri ragazzi fuori da scuola, dopo l’orario scolastico. Episodi recenti ci dimostrano che spesso sono l’origine di focolai che costringono alla quarantena decine di giovani e adulti”, ha aggiunto Azzolina. La ministra ha poi concluso: “Il Governo sta invece valutando l’utilizzo dei test rapidi anche per le scuole, come sto chiedendo da tempo”.

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

  • Pubblicità




You might also like...

Asp Trapani: screening Covid19 per alunni scuole elementari sabato 21 e domenica 22 novembre

Read More →