Loading...
You are here:  Home  >  Calatafimi-Segesta  >  Current Article

Made in Sicily nel mondo Verso il Distretto unico del cibo

By   /  9 Maggio 2019  /  No Comments

    Print       Email

L’idea di un comitato di enti e associazioni per rilanciare nel mondo i prodotti tipici siciliani e i territori d’origine.

PALERMO – Un “Distretto unico del cibo” per valorizzare il made in Sicily, salvaguardando l’autonomia, le peculiarità e le prerogative di tutti i prodotti e le filiere coinvolte: la proposta è ambiziosa e il tempo per realizzarla poco, ma è già partita una ricognizione per individuare le potenziali adesioni. Tempi stretti poiché il sito della Regione Siciliana informa che il bando pubblico per il riconoscimento dei Distretti del cibo verrà pubblicato in Gazzetta ufficiale “presumibilmente giorno 10 maggio”; dopo la pubblicazione ci saranno 45 giorni di tempo prima della scadenza.

L’Assessorato regionale dell’Agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea attribuisce ai Distretti del cibo un ruolo strategico per promuovere lo sviluppo territoriale, salvaguardare il paesaggio rurale, favorire l’integrazione tra le diverse attività agricole, agroalimentari, di promozione e salvaguardia complessiva del territorio, e valorizzare le produzioni agroalimentari di qualità; in questo senso, fondamentale sarebbe l’aggregazione delle filiere agroalimentari con imprese di altre filiere produttive. Tutti argomenti di discussione dei componenti del sistema dei Distretti produttivi, del Consorzio di ricerca Coreras, dei Flag (Fisheries local action groups) e dei Gal (Gruppi azione locale) siciliani, col coinvolgimento delle rappresentanze dei Comuni rurali e costieri.

Il comitato promotore per la costituzione del distretto unico comprende diversi enti coinvolti in vari ambiti, e inquadra il Distretto unico del cibo siciliano come strumento di aggregazione: i singoli componenti parteciperebbero sì alle attività di promozione del comparto agroalimentare e turistico in ambito nazionale e internazionale, ma mantenendo il proprio ruolo autonomo di proposizione e coordinamento delle attività di competenza. Come? Per esempio, non puntando più alle singole partecipazioni alle fiere internazionali, ma a compartecipazioni di gruppo che creino una rete fra distretti, sotto il comune denominatore dell’appartenenza siciliana.

“La governance del Distretto unico dev’essere di stampo federativo e cooperativo, e ogni distretto deve mantenere la sua autonomia – ribadisce Gianfranco Badami, presidente del Coreras (Consorzio regionale per la ricerca applicata e la sperimentazione), ente membro del comitato promotore –. Questo sistema metterà insieme ciò che ruota intorno ai distretti singoli, per presentarsi all’esterno con un brand riconoscibile: ‘Made in Sicily’. È una proiezione di una ‘Sicilia 2.0’ – continua – che finalmente potrebbe dar vita a nuove possibilità di sviluppo per piccole realtà con l’obbiettivo di attirare turisti e al contempo pubblicizzare il marchio, creando un circuito virtuoso”.

Con una nota rivolta a tutti gli enti potenzialmente coinvolti, comprese le associazioni dei consumatori, il comitato ha reso noto un calendario di incontri volti a confrontarsi sul tema: il primo a Palermo, il 10 maggio alle 10 presso la sede dell’Esa (Ente per lo sviluppo agricolo) di via Libertà, e a seguire a Catania, il 14 maggio alle 10 presso il Maas (Mercati agro alimentari all’ingrosso Sicilia), e a Barcellona Pozzo di Gotto, il 14 maggio alle 10 presso l’aula consiliare.

Fonte Live Sicilia 

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Calatafimi Segesta: ieri il primo incontro fra Associazioni e Amministrazione

Read More →