Loading...
You are here:  Home  >  Costume e Società  >  Current Article

“L’uccisione di Soleimani un errore: con una sola mossa Trump ha coalizzato sunniti e sciiti contro gli Usa. E la radicalizzazione in Medio Oriente aumenterà”

By   /  8 Gennaio 2020  /  No Comments

    Print       Email

Intervista di TPI a Matteo Pugliese, ricercatore associato all’Ispi (Istituto per gli studi di politica internazionale) di Milano, esperto di sicurezza internazionale, antiterrorismo e geopolitica

Usa-Iran | “Con l’uccisione di Soleimani Trump ha coalizzato sunniti e sciiti”

Non è semplice comprendere la crisi in Medio Oriente scatenata dall’uccisione dal generale Soleimani. Per capire chi fosse il Generale, i motivi dell’uccisione e le conseguenze, TPI ha intervistato Matteo Pugliese, ricercatore associato all’Ispi (Istituto per gli studi di politica internazionale) di Milano, esperto di sicurezza internazionale, antiterrorismo e geopolitica.

Pugliese, chi era il Comandante Soleimani?

Soleimani era il comandante della forza d’elite Quds dei Guardiani della Rivoluzione iraniani, incaricata delle operazioni speciali all’estero. Uno degli uomini più potenti e temuti nel regime iraniano. Nella sua carriera ha ordinato feroci repressioni e attacchi alle truppe americane. Ha anche contribuito alla lotta contro i terroristi dell’Isis, jihadisti sunniti, ma senza un ruolo decisivo.

Come ha contribuito alla lotta contro l’Isis?

Ha coordinato le forze sciite in Siria ed Iraq, ma si è concentrato più che altro nel sostenere il regime di Assad contro i ribelli. Insomma, ha ordinato azioni contro jihadisti, ribelli sunniti e soldati americani. Azioni talvolta di guerriglia, talvolta terroristiche, che vanno inquadrate nell’ottica della guerra asimmetrica con milizie irregolari, dai libanesi di Hezbollah alle brigate Fatemiyoun e Zainebiyoun di sciiti afghani e pakistani, dalle Forze di Mobilitazione Popolare in Iraq agli Huthi in Yemen. Tutti legati a Teheran.

Qual è quindi il rapporto tra queste attività e gli Stati Uniti?

Gli Stati Uniti rimproverano all’Iran un disegno egemonico. Certamente una preoccupazione legittima per la minaccia ad Israele. Allo stesso tempo, questa critica perde un po’ di credibilità se avanzata da una superpotenza che schiera decine di migliaia di militari in più di 70 paesi e accusa altri di voler creare una sfera di influenza sugli stati vicini.

Però l’Iran ha minacciato molte volte Israele, alleato degli Stati Uniti. Si stava correndo un rischio di attacco?

È indubbio che negli ultimi anni e mesi le milizie sciite sotto la direzione dell’Iran abbiano tentato di espandersi in Siria e Iraq, anche attaccando Israele e le forze Usa. Tuttavia, secondo il premier iracheno, Soleimani era arrivato a Baghdad per trattare con l’Arabia Saudita per diminuire le tensioni tra il fronte sciita e quello sunnita.

Il Governo Usa, però, sostiene che Soleimani fosse in Iraq per lanciare un nuovo attacco.

In realtà non ha fornito alcuna prova. Proprio per questo oltre alle principali potenze, che hanno invitato alla calma e alla de-escalation, anche Netanyahu si è subito smarcato e ha tenuto a precisare al suo governo che l’uccisione di Soleimani è una scelta solo americana, che Israele non è coinvolto e non deve farsi coinvolgere.

E allora perché Trump ha scelto di intervenire in questo modo?

La crisi internazionale scatenata dall’uccisione del generale Soleimani è il simbolo dell’unilateralismo deleterio dell’amministrazione Trump. Un atteggiamento criticato non solo dal Congresso e dagli alleati europei, ma anche da importanti diplomatici bipartisan, perché ignora il multilateralismo e la condivisione delle decisioni.

Usa Iran

Chi festeggia per l’uccisione di Soleimani ritiene che l’Iran avesse già mosso una guerra “sotterranea” a Stati Uniti ed Israele. E che quindi valesse la pena eliminare il grande tessitore della tela sciita.

Non sono d’accordo con questa tesi per due ragioni. Credo intanto che assisteremo a un’escalation ben più grave di violenza, perché con questa mossa Washington ha messo Teheran con le spalle al muro: non rispondere avrebbe significato ammettere una sconfitta, e questa è la ragione dell’attacco notturno. Ma ci sono gravi conseguenze anche dal punto di vista strategico, è un autogol per gli Stati Uniti.

Quali possono essere le conseguenze?

Il successore di Soleimani, il generale Esmail Qaani, ha una fama altrettanto fanatica e spietata. In una sola mossa, Trump è riuscito a unire sciiti e sunniti d’Iraq nell’odio verso l’America, a far votare il parlamento di Baghdad per l’espulsione delle truppe straniere dal paese, ad affossare il già traballante accordo sul nucleare iraniano, a radicalizzare molti moderati nella società iraniana, non solo rendendo il controverso generale un martire, ma anche con l’inaudita minaccia di colpire siti culturali persiani, un crimine di guerra. Infine, l’espulsione dall’Iraq delle truppe occidentali anti-Isis lascerà campo libero agli jihadisti sunniti, che si stanno già riorganizzando.

L’attacco di questa notte pone rischi anche per i civili americani in Medio Oriente o in giro per il mondo?

Il leader di Hezbollah è stato chiaro: le rappresaglie non saranno dirette a civili americani nella regione, bensì solo alle forze armate americane, così come accaduto questa notte. Non è da escludere tuttavia l’iniziativa di singoli fanatici o gruppi autonomi sciiti che vogliono vendicare la morte di Soleimani e prendono di mira anche civili.

Cosa vuole, secondo lei, il popolo iraniano?

Sul fronte politico e sociale, occorre dire che la società iraniana non è compatta a sostegno del regime, ci sono moderati che lo appoggiano perché sentono il proprio paese aggredito, laici e democratici che vorrebbero la fine degli ayatollah, minoranze arabe, curde, azere che aspirano all’autonomia o all’indipendenza, ma anche nostalgici dello Shah di Persia. Non dimentichiamoci anche le importanti proteste sociali dei mesi scorsi in Libano e Iraq, che hanno portato in piazza soprattutto giovani che chiedono la fine del settarismo religioso e potrebbero essere il germoglio di identità nazionali sino ad ora fragilissime.

Fonte TPI

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Coronavirus, in Sicilia da domani registrazione domande per cassa integrazione

Read More →