Loading...
You are here:  Home  >  Notizie nazionali  >  Current Article

L’istruzione universitaria palermitana al tracollo

By   /  24 Giugno 2014  /  No Comments

    Print       Email

Sessantesima su sessantuno università statali. È la posizione occupata dall’Ateneo degli Studi di Palermo nella classifica stilata da Il Sole 24 ORE e pubblicata ieri 23 giugno dallo stesso quotidiano economico. Peggio ha saputo fare solo l’università Napoli Parthenope. Un risultato che non lascia dubbi sulla scarsa qualità dell’istruzione università palermitana.

Il podio della classifica, invece, racconta di un testa a testa fra Trento, che raggiunge il Politecnico di Milano in cima ai risultati sulla didattica, e Verona, che primeggia solitaria negli indicatori di performance sulla ricerca. Dietro a Verona e Trento, che coabitano sul gradino di testa, e al Politecnico di Milano che si piazza appena dietro, occupa il terzo scalino l’Alma Mater di Bologna. Molto buoni anche i risultati di Padova, della Politecnica delle Marche e della veneziana Ca’ Foscari, spinte tutte e tre dai dati della ricerca. La Sapienza, prima fra le grandi romane, si colloca solo a metà classifica.

Immagine articolo

Questi risultati sono disegnati dal nuovo pacchetto di indicatori che, rispetto alle edizioni precedenti delle classifiche di qualità, offrono un quadro più ricco e articolato. La nuova impostazione, infatti, permette di misurare il risultato finale per metà sugli indicatori della didattica e per l’altra su quelli della ricerca. Nonostante gli atenei migliori occupino i primi posti in entrambe le graduatorie, il confronto fra le due consente di individuare, da un lato, gli atenei eccellenti su terreni come la struttura docente e la puntualità degli iscritti rispetto al piano di studi (in particolare i Politecnici, guidati da Milano) e, dall’altro, le performance più brillanti sui progetti di ricerca o sulla qualità dell’alta formazione (Verona in primis). In tutti gli indicatori, emergono altrettanto chiare le difficoltà che si vivono al Sud, dove l’emigrazione studentesca priva spesso le università degli studenti più motivati. Infatti, con la sola eccezione di Salerno, al 22esimo posto, gli atenei meridionali si affollano nella seconda parte della classifica generale. Qui la carenza di strutture si spiega anche con un livello di tasse universitarie molto più basso della media. Inoltre, la ricerca fatica a farsi strada.

Più della posizione complessiva, però, le indicazioni più interessanti arrivano dai singoli indicatori, che offrono un check-up completo su pregi e difetti di ciascun ateneo. Sul versante della didattica, ad esempio, debuttano nuovi dati che fanno luce sui temi della formazione universitaria. È questo il caso della misurazione del peso degli stage in azienda e quello delle esperienze internazionali sulla carriera degli studenti. Questi indicatori, infatti, indagano sulle capacità dell’ateneo di aprire all’esterno l’esperienza di studio dei propri iscritti e di offrire loro strumenti in più da spendere sul mercato del lavoro.

Un altro parametro al debutto è quello sul diritto allo studio, con cui si misura la quota di studenti che oltre a essere definiti idonei per la borsa di studio ottengono davvero l’aiuto. La responsabilità della mancata copertura totale è in genere delle Regioni. Molto importante, poi, il giudizio dei laureandi sul corso che stanno completando. Infatti, secondo l’ultima riforma dell’Istruzione, anche i parametri ministeriali sui premi agli atenei avrebbero dovuto considerare questo dato. Dato che nei fatti, però, è sempre stato trascurato. Il deficit di attenzione per i dati più importanti nell’ottica degli studenti, del resto, appare come il peccato originale di tutto il sistema istituzionale intorno all’università, che nel mare di rilevazioni avviate negli anni non è mai riuscita a mettere in campo un sistema condiviso da tutti per misurare i successi occupazionali degli studenti.

The following two tabs change content below.

Gaetano Pisano

Nato l'11/06/1987. Vive a Calatafimi-Segesta. Laureato in Scienze e Tecnologie Agrarie. Attualmente lavora presso l'Università degli Studi di Palermo.

Ultimi post di Gaetano Pisano (vedi tutti)

    Print       Email

About the author

Nato l'11/06/1987. Vive a Calatafimi-Segesta. Laureato in Scienze e Tecnologie Agrarie. Attualmente lavora presso l'Università degli Studi di Palermo.

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Coronavirus, in Sicilia da domani registrazione domande per cassa integrazione

Read More →