Loading...
You are here:  Home  >  Calatafimi-Segesta  >  Current Article

Le rifiutano l’affitto perché infermiera, il racconto di Rossella: “Non definiteci eroi, per poi chiuderci le porte in faccia”

By   /  21 Marzo 2020  /  No Comments

    Print       Email

Rossella ha 33 anni, si è trasferita un mese fa da Milano per lavorare come infermiera in un Pronto Soccorso catanese: “Tutti ci osannano, ci dicono di tenere duro, che siamo degli eroi. La verità è che la gente ha paura di noi”“

“Lavoro in Pronto Soccorso, dove tutti i giorni arrivano decine di persone e, tra queste, ci sono anche pazienti sospetti di essere positivi al Covid-19. Tutti ci osannano, ci dicono di tenere duro, che siamo degli eroi. La verità è che la gente ha paura di noi, che non sono ancora riuscita a trovare una stanza o un appartamento dove stare, perché alla parola ospedale tutti spariscono. Rispondono che non è il momento di affittare casa, che è meglio evitare”. Comincia così il racconto di Rossella, 33 anni, infermiera trasferitasi a Catania da Milano.

“Sono arrivata a Catania per una mobilità ed ho iniziato a lavorare l’1 marzo. Mi sono trasferita da Milano circa un mese fa e, appena arrivata, ho subito cercato una casa in affitto, ma nulla”, denuncia Rossella.“Ho risolto momentaneamente, grazie ad una collega. Abbiamo deciso di condividere una stanza dopo 3 settimane di ricerca senza nessun risultato. Non definiteci eroi, per poi chiuderci le porte in faccia”, commenta con molto rammarico.“Mi trovo ad affrontare questa emergenza sanitaria qui a Catania. In pochi secondi, bisogna indossare tutti i presidi necessari ed entrare col paziente in area isolamento”. Così Rossella ci racconta le ansie di questi giorni, il timore di non essere abbastanza protetta, i disagi del camice, la stanchezza fisica e quella psicologica.“Ci ritroviamo in una zona che ha del surreale: silenzio assoluto, spesso l’unico rumore che si sente è quello di un monitor, che rileva i parametri di continuo. I pazienti si ritrovano a vederci con maschere, tute bianche addosso, visiere, calzari e doppi guanti. L’unica parte del corpo che vedono sono i nostri occhi, gli unici che ci permettono di garantire un residuo di umanità in questa terribile emergenza. A nessun parente è permesso di entrare, se non hanno dietro un telefonino è difficile anche metterli in comunicazione. Non sanno cosa potrà aspettarli, o forse ne hanno sentito parlare, ovviamente tutti sperano che loro non siano gli sfortunati che andranno nei reparti dedicati. E poi, da un momento all’altro, esami ematici, ECG, TC torace, tampone NF, ossigeno-terapia. Non è uno scherzo, non siamo esagerati. Dopo 3 ore in area isolamento ti manca l’aria, ma non puoi togliere la maschera, hai la gola arsa, ma non puoi bere né mangiare, senti caldo, inizi a sudare, ma non puoi togliere la tuta per rinfrescarti e la maschera ti lascia i segni sul viso. Esci da quell’area sfinita, avvilita, incredula, frastornata, amareggiata, ma sopratutto triste e sola”.“ Non siamo eroi – conclude Rossella- Gli eroi nei libri, o nei film, vengono accolti, e osannati, nonostante alla fine rischiano sempre la vita. A noi ci è chiesto solo di sfidare la morte!”

Daria Raiti
 
 
The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Coronavirus, musumeci: “intensificare i controlli nei centri urbani”

Read More →