Loading...
You are here:  Home  >  Costume e Società  >  Current Article

La Trinacria vola in alto: dove potete andare (ma a prezzi onesti) con Aerolinee Siciliane

By   /  29 Gennaio 2020  /  No Comments

    Print       Email

Il progetto ha come obiettivo principale quello di venire incontro a quella parte di Sicilia “che si muove”, rendendo accessibile a tutti il tanto desiderato andirivieni dall’Isola

Una progetto che racchiude il cuore grande della Sicilia: da sabato scorso la compagnia aerea giallo rossa con la Trinacria nella coda è realtà.

Riproponendo il famoso motto dei tre moschettieri, verrebbe proprio da dire “un siciliano per tutti, tutti per un siciliano”. Per tutta risposta contro il caro voli e le cifre da capogiro che si presentano agli occhi di un siciliano fuori sede che desidera rincasare, sabato 25 gennaio, presso l’istituto di Sociologia Luigi Sturzo di Caltagirone, è stata finalmente costituita la compagnia Aerolinee Siciliane.

Il progetto, ideato poco più di un anno fa, ha come obiettivo principale quello di venire incontro a quella parte di Sicilia “che si muove”, rendendo accessibile a tutti il tanto desiderato andirivieni da quest’Isola. La neocostituita è una società a capitale diffuso e a gestione duale (vale a dire con una governance basata su un consiglio di sorveglianza, presieduto da Elio Guastella, che a sua volta nomina un consiglio di gestione operativo, presieduto da Luigi Crispino), la cui struttura si basa sul principio dell’azionariato diffuso e popolare.

Dopo aver raggiunto il sostegno di innumerevoli investitori (ad oggi oltre 200 tra imprese, privati e azionisti frazionari) il prossimo 14 giugno, alle 6.40 del mattino, parteil primo volo da Comiso e diretto verso l’aeroporto di Milano. Due gli aerei attualmente a disposizione, modello Airbus A320 con capienza di 180 posti ciascuno, che collegheranno la Sicilia settimanalmente alle seguenti mete italiane ed estere: Roma, Bologna, Milano, Francoforte, Londra, Parigi, Tunisi e Malta.

«La linea di Aerolinee Siciliane è tracciata, i programmi sono chiari, il mercato c’è – afferma Claudio Melchiorre, vice presidente del consiglio di sorveglianza -. Impiegheremo più del previsto a rispondere a tutte le richieste di sottoscrizione che sono tantissime, l’azionariato popolare funziona, la scelta “francescana” del management di percepire denaro solo a risultati ottenuti dà credito a tutti noi».

Società, azionisti, business, tutte parole che rievocano un’idea di profitto, ma che in realtà nascondono un grande cuore: è il cuore di una Sicilia “che fa da sé” e che non ha timore a “puntare su di sé”. La nuova compagnia giallo rossa non abbraccia la filosofia del low cost, ma sono previsti per tutti i passeggeri prezzi ragionevoli (bagaglio a mano incluso) e anche delle speciali tariffe sociali a vantaggio di alcune categorie di persone, con particolari agevolazioni per chi vuole viaggiare da e verso la Sicilia.

«La nuova compagnia aerea non è solo uno strumento per collegare la Sicilia al resto del mondo a prezzi competitivi, ma anche una solida realtà di legalità e solidarietà economica – continua Melchiorre -. Alla base della nostra tariffazione c’è l’intenzione di mettere al primo posto le esigenze dei passeggeri.

L’idea è quella di non mettere balzelli su balzelli, vogliamo far viaggiare le persone in maniera serena senza la necessità di troppo fronzoli a bordo, pagando un prezzo ragionevole e accessibile a tutti.

Entreremo in questo grande mercato in punta di piedi, non intendiamo spezzare la schiena a nessun competitor. Quel che è certo è che la nostra compagnia non venderà mai dei voli a 600 euro».

Tantissime sono le richieste di adesione al capitale per diventare azionista che sono pervenute e si attende a giorni la delibera di stop alle iscrizioni da parte del consiglio di gestione. Entro cinque anni, secondo i piani di sviluppo redatti dalla nuova compagnia aerea, la compagnia con la bandiera della Trinacria avrà una flotta di 12 aeromobili, con circa 800 occupati diretti e un indotto di duemila.

La fase di selezione del personale è work in progress ed è stata aperta sul sito ufficiale della compagnia l’apposita sezione “Lavora con noi” che potete consultare qui. Chi volesse può intanto inviare la propria candidatura, corredata del proprio curriculum e dell’indicazione della posizione per la quale si candida, all’indirizzo di posta elettronica info@aereolinesiciliane.it.

«Sentiamo la responsabilità di ogni singola quota che è stata sottoscritta, abbiamo osato cambiare le regole dell’economia, abbiamo fondato una compagnia sul coraggio e la solidarietà dei siciliani e di chi crede in noi. Il nostro desiderio è far capire a tutti che la qualità del servizio, la possibilità di profitto e la solidarietà non sono concetti slegati che lottano l’uno contro l’altro, ma stanno tutti dalla stessa parte perché un buon servizio va certamente a vantaggio di tutti».

L’entusiasmo è palpabile, considerando soprattutto che appena dodici giorni fa nulla di tutto questo esisteva, ma la determinazione dei soci e degli imprenditori coinvolti fa presagire un successo che risulterà difficile da comprendere per chi è abituato agli schemi classici nella Sicilia, basati sull’attendismo e la posizione.

I siciliani che vorranno diventare azionisti della compagnia potranno chiedere di sottoscrivere le azioni compilando l’apposito modulo sul sito della compagnia.

Fonte Balarm

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Coronavirus, dalle mascherine fatte in cotone all’acqua del rubinetto fino alle zampe dei cani: 10 bufale smontate dal ministero

Read More →