Loading...
You are here:  Home  >  Costume e Società  >  Current Article

La Sicilia rinuncia alla patente di immunità covid19 ma viaggi senza restrizioni dal 7 giugno

By   /  27 Maggio 2020  /  No Comments

    Print       Email

La Sicilia non riparte prima nonostante il contagio sia basso. Al contrario aspetterà quattro giorni in più rispetto all’Italia e a tutto il resto d’Europa. I confini nazionali saranno riaperti il 3 giugno e da quella data sarà possibile viaggiare fra le regioni ma non rientrare liberamente in Sicilia. Qui resteranno in vigore le regole dell’autocertificazione, della registrazione sul portale e della quarantena obbligatoria all’arrivo fino al 7 giugno.

In realtà non si tratta di una novità ma di un passaggio già contenuto nell‘ordinanza del 17 maggio in vigore dal 18. Un passaggio più restrittivo rispetto al Dl nazionale che era sfuggito ai più, Ma siccome alla fine della lunga trattativa le ordinanze regionali erano state interamente recepite come allegati al Dl nazionale questa decisione siciliana è, di fatto, in vigore anche se deroga alla competenza romana. Ciò perchè tecnicamente e legalmente è stata recepita e pubblicata nello stesso Dl

Per questo motivo lo scontro in atto fra Palermo e Roma sul mantenimento della chiusura della Sicilia si sposta dalla data del 3 chiesta da Roma alla data dell’8. Constatato che già l’ordinanza è in vigore da Roma fanno sapere che questa sarà l’ultima eccezione siciliana su questo fronte. la competenza sulla libera circolazione, infatti, è di esclusiva pertinenza statale e, di conseguenza, dall’8 giugno si riapre senza ulteriori limitazioni.

Niente patente di immunità e niente test sierologici rapidi ai passeggeri in arrivo ma solo ordinaria sorveglianza sanitaria dunque la misurazione della temperatura in aeroporto come già avviene ad esempio entrando in palestra.

Misure considerate insufficienti da tanti soprattutto dopo il caso della giovane donna incinta passata a tutti i controlli nel suo viaggio da Londra a Palermo e che ha sviluppato i sintomi in maniera anche grave solo tre giorni dopo.

Quattro giorni non fanno, poi, una gran differenza ma c’è chi, comunque, sottolinea come si tratti di una scelta poco oculata. Sul fronte sanitario costringere alla quarantena chi arriva il 7 giugno e non chi arriva l’8 di fatto non protegge nessuno e viceversa. Sul fronte turistico, 4 giorni di ritardo significano che mentre l’europa riparte la Sicilia si isola e resta in ritardo. Ma in fondo anche qui potrebbe non voler dire poi molto

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

  • Pubblicità




You might also like...

Calatafimi Segesta: installati nuovamente i banner decorativi al Belvedere F. Vivona

Read More →