Loading...
You are here:  Home  >  Calatafimi-Segesta  >  Current Article

La classifica della raccolta differenziata in Sicilia e in provincia di Trapani. Calatafimi Segesta al 66,1%

By   /  8 Gennaio 2020  /  No Comments

    Print       Email

E’ Contessa Entellina, in provincia di Palermo, il comune siciliano primo in classifica sulla raccolta differenziata.

Il piccolo centro registra il 91,7% di differenziata. Sono dati forniti dalla Regione che si riferiscono al periodo tra gennaio e luglio del 2019, l’ultimo mese aggiornato. Il secondo comune in classifica è Longi, nel Messinese, con il 90,4%, mentre terzo è Calamonaci in provincia di Agrigento con l’87,8%.

Per trovare un comune della provincia di Trapani, nella classifica sulla raccolta differenziata, bisogna scendere fino alla posizione numero 39. Qui c’è Salemi, che nel periodo in esame ha registrato il 73,7% di differenziata ed entra nella parte “verde” della classifica, quella, cioè, in cui viene superata la soglia del 65%. Nella parte verde troviamo anche Pantelleria, 73,4%, Petrosino, 71,6%, Custonaci, 71,3%. E ancora Valderice e Paceco, entrambi al 69.1%. Segue Mazara con il 68.9%, Favignana ha il 67,9%. Poggioreale e Salaparuta registrano il 67,8%, poco sotto Buseto Palizzolo con il 67,2%. Calatafimi Segesta si assesta al 66,1%. Gli altri Comuni trapanesi vanno sotto la soglia del 65%. Alcuni di poco, come Partanna, 64,3%, e Marsala 64%. Un po’ lontano dall’obiettivo c’è Trapani, il capoluogo è alla posizione 245 in classifica con il 51,7%.

Nella parte “rossa” della classifica ci sono quei comuni che invece vanno sotto la soglia del 30% di raccolta differenziata. Tra i Comuni della provincia di Trapani troviamo soltanto Castelvetrano, 26,5%.

Tornando ai dati regionali Palermo è nella parte bassa della classifica, con appena il 18,7% di differenziata nei primi sette mesi dell’anno.
Il dato regionale. In Sicilia la raccolta differenziata è al 39,34%. La Regione confida che i dati finali per il 2019 si possano chiudere con un 40% netto. Rispetto al 2018 però c’è stato un aumento considerevole, visto il 21% di differenziata registrato nei primi mesi. I dati del 2019 sono molto variegati. Su 390 Comuni 132 superano la soglia del 65%, mentre 38 comuni sono sotto il 30%. Tra questi le grandi città come Palermo, Messina e Catania.


Un dato quello dei grandi comuni che influisce e non poco sulla media regionale.
Ma è tutta la Sicilia che deve affrontare il problema dei rifiuti adoperandosi di impianti e di un piano rifiuti adeguato per raggiungere le soglie imposte dall’Unione europea.

Dati, quelli sulla raccolta differenziata, che spingono ad analizzare ancora di più le politiche in campo e quelle da attuare, le buone pratiche per lo sviluppo sostenibile e per il corretto smaltimenti dei rifiuti.

In questo senso su Rmc 101 arriva un nuovo programma, #TuttoAmbiente, che entra nel nocciolo della questione. Con Rossana Titone si parlerà di ambiente, di come preservarlo e come differenziare bene. Di ciclo di rifiuti nella sua interezza ma soprattutto di tutela del nostro pianeta.

Fonte TP24

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

  • Pubblicità




You might also like...

Bonus Sicilia: sono escluse dal contributo le persone fisiche titolari di partita iva aventi diritto alla percezione delle indennità previste dagli artt. 27, 38 e 44 del DL 17 marzo 2020 n.18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020 n.27.

Read More →