Loading...
You are here:  Home  >  Economia  >  Current Article

Da Luglio scompariranno i registratori di cassa. E per gli scontrini…

By   /  6 Maggio 2019  /  No Comments

    Print       Email

Mancano poche settimane a una piccola rivoluzione che cambierà soprattutto la vita delle migliaia di commercianti italiani, grandi o piccoli che siano. Dal primo luglio 2019 infatti gli esercenti medio-grandi, con volumi superiori ai 400.000 euro, dovranno essere in grado di emettere scontrini digitali e mandarli direttamente all’Agenzia delle entrate a fine giornata. Dal primo gennaio 2020 l’obbligo scatterà anche per tutti gli altri, compresi i piccoli. La novità riguarda, però, solo gli esercenti: per i consumatori non cambierà nulla. L’Agenzia delle Entrate ha precisato, infatti, che i clienti continueranno a ricevere uno scontrino o una ricevuta cartacea.

Scomparirà, quindi, il registratore di cassa come lo abbiamo conosciuto fino ad ora. Al suo posto arriveranno i registratori telematici o i server telematici dal costo di circa 800 euro. Oppure, ancora, una procedura online sul sito dell’Agenzia delle entrate. In realtà si possono continuare a usare anche i vecchi registratori di cassa: basta adattarli utilizzando un software dell’Agenzia. Alla fine della giornata lavorativa l’esercente dovrà inviare tutti gli incassi della giornata al Fisco, che li certificherà.

Articolo Tp24

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Calatafimi Segesta: ieri il primo incontro fra Associazioni e Amministrazione

Read More →