Loading...
You are here:  Home  >  Economia  >  Current Article

Da luglio assegno universale ad autonomi e disoccupati: fino a 217 euro al mese a figlio

By   /  6 Giugno 2021  /  No Comments

    Print       Email

Le famiglie con figli festeggiano. Il Consiglio dei ministri ha partorito – è il caso di dirlo – il decreto per l’assegno unico, una misura di sostegno al reddito basata sul numero dei figli e che va riducendosi all’aumentare del reddito con un tetto fissato ai 50.000 euro: si parte da un massimo di 217,8 euro al mese per figlio per calare fino a 30 euro arrivando alla soglia massima di Isee.

Scatta anche un rafforzamento degli assegni familiari che rimangono per i lavoratori dipendenti con figli e redditi bassi: per loro l’assegno unico arriverà dal prossimo gennaio. L’obiettivo è quello di aiutare i cittadini italiani, europei o con permesso di soggiorno, residenti in Italia da almeno due anni e che abbiano un contratto di lavoro almeno semestrale, nelle spese per la gestione dei figli.

Si parte il primo luglio

Di sicuro la misura sarà più robusta dei tradizionali aiuti e arriverà direttamente sul conto corrente: a regime varrà sei miliardi in più. Per il momento, cioè già dal primo luglio, l’assegno andrà ai lavoratori autonomi, disoccupati, incapienti e percettori del reddito di cittadinanza. Cioè ai circa 2 milioni di famiglie che prima non godevano degli assegni familiari. Il decreto approvato dal consiglio dei ministri è infatti un decreto “ponte” in attesa che l’ “assegno unico” venga esteso, a partire dal primo gennaio 2022 anche ai lavoratori dipendenti.

Come funziona l’assegno unico

Benché definito come “universale”, l'”assegno unico” si ferma alle famiglie con un reddito Isee fino a 50.000 euro e in alcuni casi andrà a sommarsi alla misura del reddito di cittadinanza e verrà erogato dall’Inps. Spulciando dalle tabelle allegate al “decreto ponte” emerge che una famiglia con un reddito annuale fino a 7.000 euro riceverà un assegno di 167 euro al mese per figlio, che sale a 217,8 euro a figlio “per i nuclei con almeno tre figli minori” cioè dal momento in cui si entra nel settimo mese di gestazione del terzo figlio. In caso di tre figli quindi l’assegno mensile sarà di 653,4 euro per 7.840,8 euro annui.

La cifra scende all’aumentare del reddito chi ha un reddito da 40.000 a 50.000 euro lordi riceverà 30 euro al mese a figlio, 40 a partire dal terzo. Chi, ad esempio ha un reddito intorno ai 30.000 avrà 51 euro o 67 euro a partire dal terzo figlio. L’ammontare dell’assegno è stabilito in base a un algoritmo che segue da vicino la variazione del reddito per assicurare la massima equità.

L’assegno è poi aumentato di 50 euro mensili per ogni figlio minore con disabilità. Oltre che con il reddito di cittadinanza, l’assegno è sommabile anche ad altre “misure in denaro a favore dei figli a carico erogate dalle regioni, province autonome di Trento e di Bolzano e dagli enti locali,”.

Aumentati gli assegni familiari

In attesa che l’assegno entri in vigore anche per i lavoratori dipendenti, il “decreto ponte” ha aumentato anche gli assegni familiari di 35,7 euro mensili a figlio per i nuclei familiari fino a 2 figli, per i nuclei familiari di almeno tre figli gli importi sono maggiorati di 55 euro per ciascun figlio per equipararli al trattamento previsto dall’assegno unico. L’onere della misura è di 3 miliardi complessivi: 1,580 miliardi di euro per finanziare “l’assegno unico” . 1,380 miliardi per finanziare l’aumento degli assegni familiari dei dipendenti, e 30 milioni di euro per il rifinanziamento dei centri di assistenza fiscale previsti dallo stesso decreto La misura non va letta come un primo passo della riforma dell’Irpef richiesta dal Recovery Plan.

In realtà dovrà piuttosto essere necessariamente armonizzata con il pacchetto fiscale che Governo e il Parlamento dovranno affrontare nei prossimi mesi. In questa sede bisognerà evitare che “l’assegno” finisca – come al momento è destinato necessariamente – per aggravare i disequilibri del peso fiscale che grava sul ceto medio dipendente, disequilibri già ampiamente denunciati nel corso dell’indagine conoscitiva fatta dal Parlamento proprio in vista della riforma.

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

  • Pubblicità




You might also like...

Inps, pagamento del bonus da 1.600 euro ai lavoratori stagionali: non occorre una nuova domanda

Read More →