Loading...
You are here:  Home  >  Internazionali  >  Current Article

Cancro, scoperta cellula T che potrebbe uccidere la maggior parte dei tumori: possibile rivoluzione

By   /  23 Gennaio 2020  /  No Comments

    Print       Email

Un team di ricerca internazionale guidato da scienziati dell’Università di Cardiff ha scoperto un nuovo tipo di cellula immunitaria (una cellula T) che potrebbe essere in grado di uccidere moltissimi tipi di tumore. Nei test condotti in laboratorio queste cellule hanno riconosciuto ed eliminato le cellule cancerose di numerose neoplasie, lasciando intatte quelle sane. Possibile un trattamento “universale”.

È stata scoperta una nuova cellula T del sistema immunitario che potrebbe aver aperto la strada verso una terapia “universale” – cioè unica per tutti – per il trattamento del cancro. Una possibile rivoluzione. Questa cellula, infatti, in test di laboratorio condotti su cellule cancerose umane in vitro e su topi con cancro umano è stata in grado di uccidere la maggior parte delle cellule malate di diversi tumori, lasciando intatte quelle sane. Il potenziale della scoperta è dunque enorme, e i risultati preliminari estremamente promettenti. Prima di cantare vittoria, tuttavia, dovranno essere effettuati ulteriori test di sicurezza, superati i quali potranno essere approntati i primi trial clinici, cioè la sperimentazione sull’uomo.

A scoprire queste cellule, caratterizzate da un recettore a “uncino” che interagisce con una molecola (chiamata MR1) presente su tutte le cellule umane, è stato un team di ricerca internazionale guidato da scienziati dell’Università di Cardiff, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi della Divisione di Ematologia dell’Università dello Utah, del Center for Cancer Immune Therapy presso l’Università di Copenaghen, dell’Università di Melbourne e di altri prestigiosi istituti. Gli scienziati, coordinati dal professor Andrew K. Sewell, esperto di cellule T della Divisione Infezioni e Immunità dell’ateneo britannico, stavano studiando la capacità di alcune cellule immunitarie nel contrastare i batteri, quando si sono imbattuti casualmente nelle nuove cellule T.

Ma perché queste cellule sono considerate così promettenti per il trattamento del cancro? Per comprenderlo è necessario fare un passo indietro. Tra le ultime frontiere delle immunoterapie oncologiche c’è sicuramente la tecnica CAR-T (Chimeric antigen receptor T cell), che si basa sul prelievo di cellule immunitarie di un paziente, sulla successiva ingegnerizzazione e moltiplicazione in laboratorio, e infine nella nuova infusione nel sangue. L’obiettivo, in pratica, è quello di potenziare le cellule immunitarie all’esterno del corpo e reinserirle per combattere il cancro più efficacemente. Il limite di questa procedura è legato al fatto che le cellule usate riconoscono le cellule malate sulla base di un recettore (HLA) che è unico per ogni persona; ciò significa che i trattamenti sono personalizzati e costosissimi. Non si possono quindi creare “banche” di cellule pronte all’uso per combattere il cancro di più pazienti. Inoltre la CAR-T risulta efficace contro alcune forme di leucemie e non contro i tumori solidi, che sono la maggior parte di quelli diagnosticati.

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

  • Pubblicità




You might also like...

Voli scontati per i residenti in Sicilia, dal 1° novembre: da Trapani/Birgi e Comiso

Read More →