Loading...
You are here:  Home  >  Amici animali  >  Current Article

Calatafimi-Segesta: volontari scendono in campo per aiutare gli amici a 4 zampe

By   /  10 Settembre 2014  /  No Comments

    Print       Email

Uno tra i tanti temi di cui si occupano gli animalisti è il randagismo che, purtroppo, tende a non essere affrontato nel migliore dei modi. Un esempio sono le Perreras in Spagna, dei centri dove i cani, se non vengono addottati entro 10 giorni, vengono soppressi con un’iniezione letale e successivamente cremati. La cosa più sconcertane è che sono proprio i Comuni a finanziare gli 80 euro per far “sparire” questi animali.

Altri metodi meno sofisticati, e purtroppo più diffusi, messi in atto da spregevoli individui, per propria volontà, per liberarsi dei piccoli amici a quattro zampe sono: i maltrattamenti fisici che inducono alla morte, lo spargimento di veleno e il posizionamento di polpette contenenti pezzi di vetro, pericolose anche per i bambini.

Purtroppo, anche a Calatafimi-Segesta, alcuni volontari amanti degli animai hanno dovuto scontrarsi con questa brutale realtà fatta di veleni e polpette modificate. Negli ultimi mesi sono stati decine i casi che riguardavano proprio la morte per avvelenamento di cani e gatti randagi e di proprietà.

Tali meschini episodi sono stati più volte denunciati al Comando dei Carabinieri di Calatafimi-Segesta e segnalati ai vigili urbani.

Queste segnalazioni hanno lo scopo di far sottoporre la zona interessata ad un controllo e a seguito mettere dei cartelli appositi per informare i cittadini del pericolo che incombe anche sui bambini che giocando per strada potrebbero venire a contatto, nella loro ingenuità, con le sostanze velenose.

Avvelenare animali o disseminare bocconi avvelenati è un reato grave perseguibile per via penale, chiunque per crudeltà o senza necessità cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da tre a diciotto mesi.

L’idea di alcuni volontari di Calatafimi-Segesta è quella di creare un’associazione No Profit con lo scopo di tutelare e difendere i diritti degli animali sensibilizzando l’opinione pubblica nei confronti dei randagi e prevenire qualsiasi forma di maltrattamento nei confronti di essi.

Le prime iniziative messe in atto dai volontari in queste settimane sono state quelle di sfamare e curare i randagi presenti nel territorio di Calatafimi, e promuovere l’adozione di alcuni cuccioli abbandonati.

Uno dei primi incontri si svolgerà venerdi 12 settembre 2014 alle ore 20:30 presso il bar Zanzibar di Calatafimi-Segesta, dove avrà luogo un sorteggio a seguito della vendita dei biglietti avvenuta durante i mesi di Agosto-Settembre finalizzato al sostegno e alle cure dei tanti randagi presenti sul territorio.

Durante la serata verrà predisposto un banco dati dove, chi interessato, potrà lasciare i propri recapiti con lo scopo di rimanere aggiornato in merito alla nascita dell’Associazione, alla nascita dei canali di Social Network, agli eventi e alle manifestazioni future, allo stato di salute dei cani presi in cura, etc… . Sarà inoltre possibile avere informazioni sui cuccioli in cerca di casa.

Per chi volesse lasciare donazioni, anche piccole, potrà farlo sempre nell’ambito della serata, in modo da aiutare questi ragazzi a concretizzare rapidamente la nascita dell’Associazione che finalmente darà voce a questi poveri animali da troppo tempo lasciati al proprio infausto destino.

cicciogaribaldi

Ciccio Garibaldi. Un cane randagio, vissuto nella Città di Calatafimi-Segesta, che ha conquistato il cuore dei Calatafimesi.

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Emergenza rifiuti nel trapanese, il Sindaco Rizzo: “A breve riapertura impianto organico. Chiesto intervento del prefetto”

Read More →