Loading...
You are here:  Home  >  Amici animali  >  Current Article

Avvelenamento cane, cosa fare?

By   /  3 Settembre 2014  /  No Comments

    Print       Email

Si ha un avvelenamento quando un animale ingerisce, inala o viene a contatto con qualsiasi sostanza in grado di interferire con le funzioni fisiologiche e creare disturbi alle funzioni organiche in buone condizioni normali di salute.

I principali veleni sono:
insetticidi e diserbanti;
topicidi (in genere veleni a base di wafarin con effetto anticoagulante);
prodotti di uso agricolo (insetticidi organofosfarici);
prodotti di uso domestico (candeggina, prodotti caustici o alcalini);
farmaci;
antigelo delle macchine (i cani ne vanno ghiotti a causa del sapore dolciastro);
veleno di animali (morsi di vipera);
numerose piante che possono provocare intossicazioni anche se ingerite in modeste quantità (oleandro, azalea, edera, rododentro e stella di Natale).

Non bisogna dimenticare poi alcuni alimenti altamente tossici per il cane, come cipolla (provoca anemia nei carnivori domestici), sale, patate poco cotte, uva (causa di insufficienza renale) e cioccolato (bastano 20 g di cacao puro per far morire un cane di taglia grande).

Sintomi

I sintomi possono variare a seconda del tipo di veleno e della quantità con cui l’animale è stato a contatto. I più comuni sono: ipersalivazione, vomito, diarrea, dolori addominali, debolezza, barcollamento, anemia, emorragie.

Cosa fare

La prima cosa da fare in caso avvelenamento, ad eccezione di quello causato da prodotti caustici, è provocare il vomito. Per farlo si può somministrare acqua ossigenata al 3% per via orale al dosaggio di 1-2 ml per Kg di peso dell’animale; ripetere il trattamento dopo 10-20 minuti se il vomito non compare. Bisogna ricordare di non esagerare poichè tale prodotto agisce irritando la mucosa gastrica. Un’altro metodo è quello di fare assumere al cane cloruro di sodio (sale da cucina); normalmente 2 chiucchiai di sale in un bicchiere d’acqua sono sufficienti per un cane di taglia grande. Non sempre però la somministrazione di sale è indicata perchè può provocare una ipertranemia (aumento del sodio nel sangue) e altre alterazioni metaboliche con esito anche fatale (bisogna fare attenzione se si tratta cani anziani o con patologie metaboliche o cardiocircolatorie). Il vomito non va assolutamente indotto se l’animale ha ingerito prodotti caustici o alcalini perché la risalita della sostanza nell’apparato digerente può provocare un’irritazione e la conseguente comparsa di lesioni all’esofago, alla faringe e alle vie aeree. Si possono somministrare albumi d’uovo o carbone vegetale se il veleno non è liposolubile. In ogni caso bisognerà portare immediatamente il cane dal veterinario che fornirà all’animale le cure necessarie.

 

Fonte: Dottor Massimo Floris (veterinario).

The following two tabs change content below.

Riccardo Fiorello

Ultimi post di Riccardo Fiorello (vedi tutti)

    Print       Email
  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Coronavirus, in Sicilia da domani registrazione domande per cassa integrazione

Read More →