Loading...
You are here:  Home  >  Ambiente  >  Current Article

Astronomia, ecco i consigli dell’esperto per guardare l’eclissi di Sole in sicurezza

By   /  19 Marzo 2015  /  No Comments

    Print       Email

Conto alla rovescia per l’eclissi di Sole che si verificherà venerdìprossimo, dalle 9,30 fino a circa le 11,00, uno spettacolo, quello dell’eclissi dell’Equinozio, “totale solo al Polo Nord e in Italia visibile intorno al 70% e da non perdere ma da osservare con strumenti adeguati, come i”sofisticati myler o gli appositi occhialini, proteggendo bene gli occhi”. A dettare i suggerimenti per una ‘visione’ in sicurezza dell’eclissi di Sole del 20 marzo è il maggiore Andrea Miccoli, astrofilo dell’Associazione Pontina di Astronomia che, parlando con l’Adnkronos, detta “poche ma irrinunciabili regole” per godersi il fenomeno senza danneggiarsi la vista. “Il dispositivo tra i più sicuri per guardare un’eclissi senza danneggiare gli occhi è il myler che si trova nei negozi dove vendono telescopi e binocoli.E’ un foglio -spiega Miccoli- di grandezza A4 simile alla carta argentata da cucina ma di tutt’altra consistenza. Con il myler, che costa circa 25 euro a foglio, si realizzano le coperture per i binocoli e i telescopi e consente il passaggio solo di una banda della luce che non è pericolosa o dannosa per la vista”. Ma non solo.

“Anche i tradizionali occhialini fatti apposta per osservare l’eclissi -continua l’astrofilo- sono un dispositivo ad alta sicurezza, normalmente costano circa 50 centesimi massimo un euro e si trovano nei negozi di ottica e di attrezzature per telescopi, ma forse per il 20, i prezzi lieviteranno fino a 5 euro”. E se non si trovassero myler o occhialini disponibili, Miccoli consiglia comunque una protezione “come i vetrini usati dai saldatori”. “Vanno indossati però vetrini N° 12 o N° 13 per garantirsi una tutela completa, altrimenti si può optare per due vetrini N°11 o N°10 messi uno sull’altro. Il costo non supera l’1,5 euro e si trovano nei negozi di ferramenta o di accessori per saldatori”.

Ma si può realizzare, aggiunge l’esperto, anche una forma di protezione ‘fai da te’ “con una vecchia pellicola per foto in bianco e nero”, considerata ormai una rarità, ma deve essere completamente esposta e tutta nera. A suo tempo, Galileo Galilei, invece, “affumicava un vetro con il fumo di una candela”, ma attenzione però, avvertono gli esperti, non è un metodo sicuro. “Sarà un’eclissi da non perdere, per questo ci si dovrà attrezzare al meglio. La Nasa gestisce un sito interamente dedicato alle eclissi con i dettagli delle migliori protezioni da usare” spiega l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope Project. “Attrezziamoci bene e non perdiamoci l’appuntamento perchè -afferma Masi- è una delle eclissi più importanti, dovremo aspettare fino al 2022 per osservarne una simile in Italia e non sarà affascinante come questa”.

    Print       Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

  • Pubblicità




You might also like...

Calatafimi Segesta: entro il 14 Giugno i proprietari di aree agricole non coltivate e di aree verdi incolte, devono provvedere alla pulizia dei terreni

Read More →