Loading...
You are here:  Home  >  Arte e Cultura  >  Current Article

Al via domani la 1° edizione del Festival Scena Segesta

By   /  16 Luglio 2020  /  No Comments

    Print       Email

Parte domani la 1° edizione del Festival Scena Segesta “Teatro e sostenibilità” organizzato dal Comune di Calatafimi Segesta su idea e progetto di Lina Prosa.

Il primo appuntamento di fatto inaugurare anche gli eventi dell’Estate Calatafimese 2020 in fase di definitiva definizione a causa delle norme Covid-19.

Ecco il programma della prima giornata:
ore 16.00-19.30 | TEATRO ANTICO DI SEGESTA
ORESTEA/SOPRALLUOGHI DRAMMATURGICI
TRILOGIA ESPERENZIALE a cura di Lina Prosa
1. Sopralluogo – “La fine della guerra di Troia/Il ritorno di Agamennone” 

La prima edizione del Festival Scena Segesta è un’edizione straordinaria, contrassegnata dalla recente-presente esperienza umana dell’emergenza coronavirus. Non è un caso, quindi, che il tema di quest’anno è “Teatro e sostenibilità”. Un percorso di riflessione, attraverso incontri, letture, laboratori ed esperienze creative, sul teatro come territorio capace di produrre nuove visioni “sostenibili” sul piano umano e sociale. Il tema universale del teatro, ancora di più adesso nella stagione dell’emergenza, è il destino dell’uomo e quando le fasi di tale destino diventano più critiche e fragili, è indispensabile fare della scena la piattaforma di più interrogativi possibili, di rinunce alla “spettacolarità” a favore della ricerca.

Il programma del Festival va avanti fino a domenica 26 coinvolgendo diversi luoghi: il Teatro Antico di Segesta grazie alla collaborazione con il Parco archeologico, l’ex convento di San Francesco a Calatafimi-Segesta e il bosco Angimbé. Grazie alla collaborazione della omonima Associazione. Tutte le iniziative sono gratuite.
“Realizzare il primo festival del progetto Scena Segesta – dice Antonino Accardo, sindaco di Calatafimi – è la migliore risposta alla crisi che attraversiamo sul piano umano, sanitario ed economico. Calatafimi Segesta è stato ed è immune da contagi Covid19. Il territorio nella sua bellezza naturalistica e storica ne rivela proprio la salubrità, lo stato di integrità, la potenza evocativa dell’incontro indispensabile tra natura e cultura. Il festival, pur nei limiti di fruizione del programma, della riduzione delle iniziative e della disponibilità economica, mette in valore tale unicità, da Segesta al Bosco Angimbè fino al centro abitato, cogliendo le fila di un percorso unico all’interno delle specificità, su cui abbiamo fatto come amministrazione il punto forte della politica e dei nostri obiettivi. Per noi si tratta di partenza e non di ripartenza come avviene altrove, e l’orgoglio, la scommessa, sono ancora più grandi, seppure adeguati alle difficoltà del momento”.

Il programma è pensato come un percorso esperienziale che risponde alle prescrizioni anti-Covid, ma anche alla progettualità di “Scena Segesta”, che si articola nel territorio di Calatafimi-Segesta come laboratorio permanente partendo dalle sue vocazioni allo stesso tempo antiche e contemporanee. Tre tappe per tre luoghi diversi che diventano spazio e tempo di riflessione sul tema del Festival: il Teatro Greco come tappa della memoria, il bosco Angimbè per una tappa legata al corpo-natura e il centro abitato di Calatafimi Segesta, terza tappa legata alla comunità e alla progettualità umana nel tempo e nello spazio.

“Il periodo storico che stiamo vivendo – dice Eliana Bonì, assessora alla Cultura del Comune di Calatafimi – ci ha imposto tante restrizioni ma ci ha donato anche il tempo, questo semplice strumento di misurazione della nostra esistenza a cui spesso non diamo peso. Ci ha donato il tempo di riflettere, di reinventarci. Madre natura dal canto suo ci ha ricordato che siamo ospiti di passaggio su questa terra che soffre i continui abusi che l’essere umano perpetra su di essa. Ma il tempo che durante questa epidemia sembrava essersi fermato ha significato anche rinascita. Ed è proprio in questa ottica che abbiamo reinventato il Festival Scena Segesta, un momento di riflessione, di riavvicinamento alla natura con un comune denominatore: il teatro, la drammaturgia. Sarebbe stato più semplice riprogrammare il Festival per la prossima stagione, ma abbiamo voluto dare un segnale di continuità e positività”.

Al Teatro Greco vanno sperimentati tre sopralluoghi drammaturgici che riprendono la trilogia di Eschilo “Orestea”. Il 17 luglio “Agamennone”, il 18 luglio “Coefore” e il 19 luglio “Eumenidi”. Si parte dai testi antichi per arrivare a un pensiero tragico contemporaneo. I tre giorni a Segesta saranno anche l’occasione per raccogliere materiali sulla parola poetica attraversata dalla storia e dalla contingenza fisica, in vista della realizzazione dello spettacolo “Orestea” del prossimo anno. Una ricerca che la drammaturga Lina Prosa porta avanti da tempo e che ha avuto già due tappe: a Fortaleza in Brasile e a Cotonou in Africa. Nei tre giorni i partecipanti-spettatori costituiranno con gli artisti un gruppo unico di lavoro.

Il programma continua al bosco Angimbé, in collaborazione con l’associazione omonima, che all’interno del bosco cura iniziative didattiche e percorsi naturalistici. Due giorni saranno dedicati al contatto con la bellezza del luogo e al rapporto tra natura e cultura: il sughereto medievale con i suoi alberi dalle fattezze arcaiche, un ecosistema unico in Sicilia che si estende per 212 ettari. Il programma delle due giornate è introdotto da una passeggiata naturalistica all’interno del bosco che prepara alle iniziative: il 21 luglio alle 19 “Avventurarsi/ tra realtà e letteratura”, a cura di Marina Turco, “Avventurarsi/tra panorami e grilli musicali”, alle 20 e il 22 luglio alle 19 “Odissea Canto XXIII”, ambientazione sonora nel bosco con la voce in filodiffusione di Maddalena Crippa.

A Calatafimi Segesta, in occasione della prima edizione del Festival, sarà inaugurata la sede delle attività laboratoriali di “Scena Segesta”: l’ex convento di San Francesco. Nei giorni del Festival, dal 20 al 23 luglio, sarà realizzato il primo laboratorio “Tu che mi soffi addosso come il vento”, diretto da Lina Prosa in collaborazione con la danzatrice Silvia Giuffré, dedicato agli agenti atmosferici visti come agenti drammaturgici nell’epica e nella drammaturgia classica. L’esito del Laboratorio sarà presentato al pubblico il 24 luglio alle 21.15, nel cortile dell’ex convento. Sempre il 24 luglio, alle 11, nella sede della Biblioteca Comunale è in programma il dibattito pubblico “Teatro e sostenibilità” con Federico Butera, professore emerito del Politecnico di Milano e Paolo Randazzo, professore di Lettere Antiche al liceo di Noto e di Critica teatrale alla Scuola dell’Inda. Un altro spazio a cui il Festival darà attenzione è il Teatro Cavallotti, in cui sono in corso i lavori di restauro: gli artisti del Festival realizzeranno delle installazioni creative in momenti improvvisati.

Nel programma, al San Francesco, ci sono anche due appuntamenti speciali: “Quattro Canti”, studio scenico di danza di Giuseppe Muscarello dedicato alle figure mitiche Cerere, Bacco, Venere, Eolo (il 25 luglio alle 21.15), “Umano/Poetico/Non stop”, maratona di letture, e performances con Valerio Strati, Gianni Gebbia, Alba Vella, Rosaria Pandolfo, Silvia Giuffrè (26 luglio alle 21.15).

Il Festival rientra nel progetto “Scena Segesta”, partito alla fine dello scorso anno. Il progetto, ideato da Lina Prosa, vuole ripristinare il diritto alla centralità della popolazione “Aegestana” di oggi (i Calatafimesi, discendenti diretto di Aegesta, la città di Segesta), grazie a mirate azioni culturali e politiche da mettere in atto nel territorio. A beneficio, soprattutto, delle giovani generazioni costrette a emigrare per la mancanza di prospettive di lavoro e di stimoli culturali e artistici. L’obiettivo è sollecitare nuove dinamiche sociali ed economiche valorizzando il Bene Comune territoriale, che è il Teatro di Segesta, valore di condivisione universale, al di là dei limiti e dei confini geografici, in modo da consentire ai cittadini-spettatori di sentirsi ricollocati al centro del mondo e non nella periferia della realtà in cui vivono.

“Scena Segesta”, per sua natura, è articolato in una pluralità di spazi e ha l’obiettivo di trasformare la stessa Calatafimi-Segesta in una Città-Teatro. Il progetto utilizza a tal fine il metodo di laboratorio in modo che la formazione e la creazione siano fasi di lavoro in divenire, alimentate in maniera costante dalle questioni sempre aperte del teatro su se stesso e sulla condizione umana. Il Mediterraneo, da una costa all’altra, è il vero contesto socio-politico dell’attività, via maestra di connessione con la cultura europea. Il focus centrale è la ricerca e la creazione a partire dalla Drammaturgia Classica (Eschilo, Sofocle, Euripide), secondo le evoluzioni del termine stesso di drammaturgia nella storia recente del teatro e dei cambiamenti sociali.

I programmi del Laboratorio permanente sono curati da un’équipe scientifica internazionale (Anna Beltrametti, docente di Drammaturgia Classica all’Università di Pavia, Muriel Mayette-Holtz, regista e direttrice del Teatro Nazionale di Nizza, Lina Prosa, drammaturga Simone Audemars, regista di Lausanne, Anna Barbera, consigliere letterario e Alexandra Da Silva, maître de conférences en ?tudes théâtrales, Université Sorbonne di Parigi).




IL PROGRAMMA (17-26 luglio 2020)
17-18-19 luglio
TEATRO ANTICO DI SEGESTA
ore 16-19.30
Orestea/Sopralluoghi drammaturgici
a cura di Lina Prosa
1. Sopralluogo
La fine della guerra di Troia/Il ritorno di Agamennone
2. Sopralluogo
Il progetto di vendetta di Elettra e Oreste
3. Sopralluogo
La nascita della Democrazia.
con la partecipazione di Gianni Gebbia, Silvia Giuffré, Giuseppe Muscarello, Valerio Strati.

20-21-22-23 luglio
ore 10.30-17.00
CALATAFIMI SEGESTA-EX CONVENTO DI SAN FRANCESCO
“Tu che mi soffi addosso come il vento”: laboratorio teatrale sulla funzione drammaturgica degli agenti atmosferici nell’epica e nella tragedia greca.
con Lina Prosa e Silvia Giuffré
ore 19
Laboratorio di Drammaturgia Classica e Creazione Contemporanea
Inaugurazione della sede.

21 luglio
BOSCO ANGIMBE’
Ore 17.30-18.30
Passeggiata. Conoscere/Respirare il Bosco.
A cura dell’Associazione Bosco Angimbè
ore 19
Avventurarsi/tra Realtà e Letteratura
con Marina Turco
ore 20
Avventurarsi/tra Panorami e Grilli Musicali.
con Fabrizio Malerba e le attrici del Teatro Studio Attrice/Non

22 luglio
BOSCO ANGIMBE’
Ore 17.30-18.30
Passeggiata. Conoscere/Respirare il Bosco.
A cura dell’Associazione Bosco Angimbè
ore 19
BOSCO ANGIMBE’
Odissea Canto XXIII
Ambientazione sonora nel bosco
con la voce di Maddalena Crippa

24 luglio
ore 11
BIBLIOTECA COMUNALE
Teatro/Pandemia/Umano-Sostenibile
con Federico Butera (professore emerito del Politecnico di Milano) e Paolo Randazzo (professore di Lettere Antiche al Liceo di Noto e di Critica teatrale alla Scuola dell’Inda)

ore 21.15
EX CONVENTO SAN FRANCESCO
Omonia-contemporary Arts
Elettra Fuori dalle Mura
performance di Silvia Giuffré, musiche di Giuseppe Rizzo
ore 21,45
“Tu che mi Soffi Addosso come il Vento”
primo studio scenico con gli attori del Laboratorio Scena Segesta

25 luglio

ore 21.15
Compagnia Giuseppe Muscarello/Muxarte
Quattro Canti/Eolo, Venere, Bacco, Cerere
di e con Giuseppe Muscarello, musiche di Serena Ganci
26 luglio
 ore 20
Teatro Cavallotti/Narrazione Esterna di un Teatro chiuso
con Marta Occhipinti e Giulia Cancilla
ore 21-24
Umano/Poetico/Non Stop
con Valerio Strati, Rosaria Pandolfo, Alba Vella, Gianni Gebbia, Fabrizio Malerba, Samuele Pidone.
 ore 24
Castello Eufemio/Congiunzioni Paesaggistiche e Astrali

INFORMAZIONI PRATICHE
Accesso gratuito a tutte le iniziative con prenotazione obbligatoria a: prenota@scenasegesta.com o attraverso compilazione form sul sito www.scenasegesta.com – per informazioni generali: 379 1242605.
Per il programma dell’ex convento San Francesco è possibile prenotare direttamente presso il Comune.

www.scenasegesta.com

Teatro Greco: prenotazione entro giorno 16 luglio.
L’accesso è gratuito fino a un numero di 50 spettatori-partecipanti che raggiungeranno a piedi il Monte Barbaro dove è situato l’antico teatro. L’appuntamento è alle 15.30 per la registrazione e la verifica delle prescrizioni anti-Covid nella biglietteria del parco archeologico. Partenza alle ore 16. Discesa alle ore 19.30.
I visitatori del parco che avranno prenotato online secondo le modalità richieste dal parco archeologico di Segesta, potranno associarsi all’iniziativa.

Bosco Angimbè: prenotazione entro giorno 20 luglio.
Accesso consentito ad un numero di 80 persone per ciascuna giornata. Arrivo sul posto alle ore 17 per la registrazione e le formalità anti-Covid. Partenza per la passeggiata nel bosco con guida specializzata alle 17.30. Ritorno alle 18.30 e inizio delle attività serali.
È prevista, su prenotazione, una cena rustica da riservare direttamente all’associazione bosco Angimbè: 392 8695868. Sono consigliate scarpe da trekking.

Convento San Francesco:
Prenotazione entro giorno 23 luglio.
Accesso fino a esaurimento dei posti previsti dalle prescrizioni anti-Covid.

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

  • Pubblicità




You might also like...

Segesta, ultimo appuntamento con le Dionisiache: in scena Le Troiane-Il soffio degli dèi

Read More →