Loading...
You are here:  Home  >  Costume e Società  >  Current Article

A dicembre parte la sperimentazione del cashback con dieci operazioni richieste

By   /  15 Ottobre 2020  /  No Comments

    Print       Email

Si parte con la sperimentazione del cashback a dicembre: saranno dieci le transazioni con moneta elettronica minime richieste per ottenere un rimborso. Un obiettivo raggiungibile se si considera che per le festività natalizie sono più frequenti gli acquisti. Per aderire al programma di dovrà utilizzare la app Io.

Lo schema di regolamento del Mef sul sistema cashback ha ottenuto il via libera da parte del Garante della Privacy, che serve ad avviare il primo mese di sperimentazione, a dicembre, del rimborso sugli acquisti effettuati con moneta elettronica. La sperimentazione prevede che si effettui un minimo di dieci pagamenti con moneta elettronica, obiettivo facilmente raggiungibile visto che il periodo di prova sarà proprio sotto Natale. Il rimborso delle spese in questo caso è previsto a febbraio.

Dal provvedimento del Garante emerge che “i consumatori potranno scegliere di aderire al Programma cashback tramite l’App IO – che era stata già utilizzata per il bonus vacanze – o attraverso banche o società che emettono carte di pagamento (issuer). In questo modo i dati anagrafici e gli estremi delle carte di pagamento scelte per partecipare al Programma saranno comunicati alla PagoPA S.p.a., la società incaricata dal Mef della progettazione e della gestione del Sistema informativo cashback”.

“Il soggetto ‘aderente’ è tenuto a registrare nell’App IO, o nei sistemi messi a disposizione da un issuer convenzionato, il proprio codice fiscale e uno o più strumenti elettronici di cui intende avvalersi per effettuare i pagamenti, dichiarando, al momento della registrazione, di utilizzare gli strumenti di pagamento registrati esclusivamente per acquisti effettuati fuori dall’esercizio di attività d’impresa, arte o professione”. Come riportato da ‘la Repubblica’ fonti di governo confermano che si accederà al meccanismo dopo l’iscrizione all’App IO o l’attivazione in banca, semplicemente pagando le proprie spese con carta o app. Funzionerà così: dopo l’accesso nell’app IO bisogna associare al proprio codice fiscale una o più carte e indicare l’Iban su cui si vuole ricevere il rimborso. Per prendere parte alle estrazioni della lotteria degli scontrini sarà invece un QR code.

Come ricorda il ‘Sole 24Ore’ nel decreto attuativo che ha ottenuto il via libera dall’Authority guidata da Pasquale Stanzione contiene le indicazioni che lo stesso Garante aveva dato, e cioè l’impossibilità di usare i dati trasmessi per finalità diverse da quelle legate al rimborso degli importi pagati con moneta elettronica. Questo proprio per evitare che il Fisco possa acquisire informazioni riservate sul tipo di acquisti effettuati dai cittadini. I dati saranno disponibili solo per l’espletamento della procedura e verranno poi immediatamente cancellati. Il meccanismo prevede un rimborso al 10% degli acquisti con carta o bancomat effettuati, per ottenere una restituzione fino a 150 euro. Tutte le carte concorreranno a raggiungere le 50 transazioni obbligatorie a semestre, con il tetto massimo di spesa di 1.500 euro a semestre (quindi con un massimo rimborso di 300 euro annui). I semestri partiranno dal gennaio 2021, con primo versamento previsto a luglio.

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

  • Pubblicità




You might also like...

La mappa delle chiusure nelle Regioni, l’allarme di De Luca e Fontana. Record di casi in Campania e Lombardia, circa 8mila

Read More →