Loading...
You are here:  Home  >  Notizie nazionali  >  Current Article

Un gel che rigenera le cellule del cuore dopo l’infarto: un progetto tutto italiano premiato dall’europa

By   /  14 ottobre 2018  /  No Comments

    Print       Email

Quando una persona viene colpita da un infarto e sopravvive, un miliardo di cellule del suo cuore è destinato a morire, lasciando al suo posto una cicatrice. Quest’ultima, composta da fibroplasti, è molto rigida e causa un’insufficienza cardiaca che, nei casi più gravi, può rendere necessario un trapianto. Una grande branca della ricerca scientifica è quindi concentrata sulla rigenerazione delle cellule del miocardio, che insieme a quelle cerebrali sono tra le più difficili da “riparare”.

Alcuni filoni utilizzano cellule staminali, ma il risultato è ancora incerto; altri impiegano impalcature 3D, ma non sempre la risposta è positiva. La dottoressa Chiono, professoressa associata del Politecnico di Torino, sta lavorando invece ad un gel che promette di riportare il cuore alla stessa funzionalità che aveva prima dell’infarto.

La sostanza è fatta di plastiche degradabili. Il suo scopo non è sostituire, ma riprogrammare le cellule: i fibroplasti rigidi vengono trasformati in cardiomiociti, cioè cellule in grado di contrarsi. Il gel viene iniettato direttamente nel cuore e le nanoparticelle che contiene hanno lo scopo di “risvegliare” le cellule morte. Ovviamente la sperimentazione ha ancora davanti a sé una lunga strada, ma le premesse per una rivoluzione ci sono tutte.

Ad incoraggiare il team di ricerca coordinato dalla Chiono è arrivato anche un prestigioso riconoscimento europeo, l’Erc, che consiste in un finanziamento di 2 milioni di euro. Grazie ad esso la sperimentazione durerà (almeno) altri 5 anni, durante i quali è prevista una fase di esperimenti in vitro su un cuore umano.

Quella della dottoressa Chiono, che viene dalla Liguria ed ha solo 42 anni, è una storia di un successo tutto italiano e femminile. Nonostante le difficoltà nella ricerca, di cui ogni giorno riceviamo testimonianze, esistono progetti in cui il nostro paese ricopre un ruolo assolutamente di rilievo.

Grazie al finanziamento la dottoressa assumerà altri ricercatori e assegnisti, e continuerà a collaborare con l’Università Federico II di Napoli(che fornisce le cellule infartuate oggetto di studio), l’Inrim (Istituto di ricerca metrologica di Torino) e l’istituto clinico Humanitas (Milano).

Non ci resta che augurare a lei e al suo team un buon lavoro, ringraziandoli della passione che mettono ogni giorno al servizio della scienza… e di tutti noi.

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Nessuna “bufera” nessuno “scempio edilizio” sull’Archeodromo di Segesta. La rettifica del Giornale di Sicilia

Read More →