Loading...
You are here:  Home  >  Arte e Cultura  >  Current Article

Tusa ha firmato: è assessore Beni culturali, scelto il direttore

By   /  11 aprile 2018  /  No Comments

    Print       Email

Il suo nome circolava da un po’, dopo le dimissioni di Sgarbi. A capo del dipartimento un uomo vicino a Miccichè.

PALERMO – Sebastiano Tusa è il nuovo assessore regionale ai Beni culturali. Il dirigente regionale ha appena firmato, diventando ufficialmente uno dei componenti della giunta di

 

Nello Musumeci. Classe 1952, palermitano, è attualmente alla guida della Soprintendenza del Mare presso la Regione Sicilia e professore universitario con una cattedra di Paletnologia all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Tusa da giorni era “in ballo” tra i possibili assessori, dopo le annunciate dimissioni di Vittorio Sgarbi. Nelle ultime ore si era registrata una apparente frenata. In realtà, si stavano solo mettendo a punto gli ultimi dettagli.

Perché la nomina di Tusa si incrocia con quella del nuovo dirigente generale ai Beni culturali. Se, infatti, la scelta dell’assessore è interamente riferibile alla volontà del governatore Musumeci, quella del capodipartimento, dopo il pensionamento di Maria Elena Volpes, è stata lasciata alla volontà politica di Forza Italia e in particolare del coordinatore Gianfranco Micciché. E il presidente dell’Ars ha indicato una persona a lui storicamente molto vicina come Sergio Alessandro, da molti anni dirigente dello stesso assessorato. Sarà questa la nuova “coppia” dei Beni culturali siciliani, dopo la tempestosa esperienza dell’assessore Sgarbi.

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Calatafimi, stabilizzazione per dieci precari storici

Read More →