Loading...
You are here:  Home  >  Internazionali  >  Current Article

Sorprese da altri mondi? Nasa: misteriosa scoperta ”al di là del Sistema Solare”

By   /  22 febbraio 2017  /  No Comments

    Print       Email

ANCORA una volta, la Nasa ci tiene con il fiato sospeso. Ma in questo caso non è la partenza di una nuova missione spaziale o l’arrivo di una sonda su un altro pianeta. Le grandi novità questa volta potrebbero arrivare da molto lontano, ben al di là dei confini del Sistema Solare. C’è infatti grande attesa per la conferenza stampa indetta per questo pomeriggio a Washington, al quartier generale dell’agenzia spaziale americana. L’evento, che inizierà alle 19 italiane, è stato reso noto lunedì scorso con un messaggio molto misterioso. Si parla infatti di una scoperta “oltre il nostro Sistema Solare”, e si precisa che i risultati riguarderanno i pianeti extrasolari. Risultati che al momento della conferenza stampa saranno anche pubblicati online su Nature. Un tono volutamente sibillino, che ha catturato immediatamente l’interesse dei media e degli appassionati di tutto il mondo. E in attesa dell’annuncio ufficiale, in Rete si fa a gara per indovinare quali novità stanno per arrivare dai pianeti intorno ad altre stelle.

095747097-ef7abb3a-6c5f-421d-a3e0-8f3fae51c839
 
A caccia di ET? A pochi giorni dall’annuncio della scoperta di molecole organiche su Cerere, c’è già chi ha scommesso che oggi avremo la prima dimostrazione dell’esistenza di vita extraterrestre. In altre parole, avremmo finalmente trovato gli alieni. Dopo tutto, alla conferenza stampa parteciperanno scienziati del calibro di Thomas Zurbuchen, amministratore associato del Direttorato Nasa per le missioni scientifiche e Sara Seager, professore di planetologia al Massachusetts Institute of Technology e scienziato di spicco nello studio dei pianeti extrasolari.

Ma è forse il caso di calmare gli entusiasmi, perché questa ipotesi è probabilmente troppo azzardata, soprattutto alla luce delle tecnologie oggi disponibili. Per avere una prova dell’esistenza di extraterrestri intelligenti dovremmo almeno captare una qualche forma di segnale, ad esempio segnali radio come quelli a cui danno la caccia gli scienziati del progetto Seti. O magari sperare di scovare le tracce di qualche “megastruttura aliena”, ma anche in questo caso si tratta di un’impresa molto ardua, come testimonia il caso della stella KIC 8462852.

Certo è che, se lasciamo stare le forme di vita più intelligenti e ci concentriamo su quelle più semplici, lo studio degli esopianeti potrebbe fornirci indizi molto utili. Ad esempio studiando le atmosfere dei pianeti extrasolari potremmo cercare tracce di molecole organiche prodotte da organismi viventi. Fra le molte “firme biologiche” si potrebbe partire ad esempio dall’ossigeno o dal metano, usando come modello gli organismi che conosciamo sulla Terra. Purtroppo però, a meno di novità inattese, al momento non abbiamo a disposizione strumenti così sofisticati da riuscirci, anche se presto la situazione potrebbe cambiare. Ci sono grandi attese per il James Webb Telescope, il telescopio spaziale che raccoglierà l’eredità di Hubble, che potrà compiere analisi chimiche più dettagliate delle atmosfere planetarie extrasolari.
 
Oltre il Sistema Solare. A proposito dell’annuncio, il portale Cnet non rivela nessun dettaglio, ma lascia trapelare che l’annuncio di oggi “potrebbe facilmente fornirci nuove ambientazioni per molte opere di fantascienza”. Un messaggio chiaramente ambiguo ma che giustamente rispetta le necessità di embargo richieste dalla Nasa ai media di tutto il mondo.

E in attesa di sapere quale sarà la scoperta che sarà annunciata questa sera, è sicuramente utile ricordare che sappiamo già moltissimo sui pianeti extrasolari. Grazie agli strumenti a terra e nello spazio, come il telescopio spaziale Kepler della Nasa, abbiamo confermato la presenza di quasi 3500 pianeti extrasolari, dopo solo vent’anni dalla scoperta del primo, l’esopianeta 51 Pegasi b. 

Una nuova Terra? Molti esopianeti sono giganti gassosi come Giove e Saturno o ancora più grandi, ma l’interesse principale è ovviamente trovare pianeti simili alla Terra. Simili non solo come massa e dimensioni, ma che si trovino nella cosiddetta fascia di abitabilità, cioè a una distanza dalla stella principale sufficiente a mantenere l’acqua allo stato liquido. L’acqua liquida è molto importante perché è una delle condizioni primarie per assicurare lo sviluppo della vita, almeno come la conosciamo sul nostro pianeta. Naturalmente scovare questi pianeti è molto difficile, poiché sono piccoli e poco luminosi, tuttavia abbiamo alcuni candidati di grande importnanza, come Kepler 186f e Kepler 452b. Anche in questo caso, grazie a Kepler conosciamo ormai alcune centinaia di pianeti che in un modo o nell’altro assomigliano alla Terra.

Le scoperte nel campo degli esopianeti arrivano a getto continuo e sono sempre più spettacolari. Può trattarsi di pianeti con condizioni ambientali peculiari, oppure grandi “infornate” di pianeti, come il recente “bottino” di 1284 pianeti scoperti da Kepler, fino alla scoperta di un pianeta intorno a Proxima Centauri, la stella più vicina a noi. E infatti un altro pianeta così vicino è fra le ipotesi che circolano in Rete e sui social, insieme alla più generale possibilità di uno o più pianeti simili alla Terra, tutte ipotesi basate sul lavoro di ricerca degli scienziati che saranno presenti alla conferenza stampa.

Per saperlo con certezza, dovremo aspettare ancora alcune ore. La conferenza stampa sarà infatti trasmessa in streaming dalla Nasa a partire dalle 19 ora italiana e in seguito sarà disponibile una sessione di Reddit per fare domande agli scienziati, oltre a inviare domande via Twitter con l’hashtag #askNASA.

194036649-3559f89b-e8a5-4512-a0b0-4ab4aab75ee8

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

biodiversità

Le “sfince” di Calatafimi e l’olio di Salemi: All’Orto Botanico la Fiera della Biodiversità | VIDEO

Read More →