Loading...
You are here:  Home  >  Ambiente  >  Current Article

Siccità, Bruxelles anticipa gli aiuti agli agricoltori siciliani

By   /  4 settembre 2017  /  No Comments

    Print       Email
PALERMO. Una boccata d’ossigeno in arrivo per migliaia di aziende agricole siciliane,dopo un’estate di fuoco, caldo e siccità che ha messo in ginocchio l’intero comparto e ancora non dà tregua.

Dopo lo stato di calamità per l’assenza di piogge dichiarato dal governo di Roma su richiesta di Palermo, gli agricoltori potranno ricevere anticipi fino al 70% degli aiuti diretti e fino all’85% dei pagamenti per le misure di sostegno dello sviluppo rurale legate alle superfici e agli animali.

Il via libera è arrivato dalla Commissione europea, e riguarda tutte le imprese delle undici regioni italiane per le quali è stato dichiarato lo stato di calamità e altri nove paesi europei alle prese con siccità e condizioni climatiche avverse. Secondo le regole della politica agricola comunitaria, l’esecutivo europeo può autorizzare l’anticipo dei pagamenti dal 16 ottobre al 30 novembre fino al 50% per i sussidi diretti e fino al 70% per le misure dello sviluppo rurale. Percentuali che per le domande 2017 sono state incrementate in deroga ai regolamenti e su richiesta di alcuni Stati, tra cui l’Italia, che hanno segnalato a Bruxelles i problemi di liquidità degli agricoltori.

Gli imprenditori siciliani beneficiari dell’anticipo, sottolineano dall’assessorato regionale all’Agricoltura, sono circa 110mila tra chi ha fatto richiesta per gli aiuti diretti gestiti dal Ministero e chi ha invece chiesto contributi sulle misure a superficie previste dal Psr, per un ammontare complessivo di oltre 350 milioni di euro. Nel dettaglio, si tratta di circa di circa 100mila aziende beneficiarie di  250 milioni di euro di aiuti diretti, e di 10mila imprese che otterranno oltre 100 milioni di euro per le misure a superficie contemplate dal Piano di sviluppo rurale (biologico, aree natura 2000, aree svantaggiate e indennità compensative).

Soddisfatto l’assessore regionale all’Agricoltura, Antonello Cracolici, che parla di una «iniezione di liquidità vitale per tutto il comparto, dopo l’estate più nera degli ultimi dieci anni». Contattato per capire quando verranno elargiti gli anticipi, l’assessore chiarisce e precisa che la gestione degli aiuti diretti è totalmente in capo al ministero, mentre quella dei pagamenti per le misure di sostegno è coordinata dall’Agea, l’Agenzia governativa per le erogazioni in agricoltura, «dunque è difficile stabilire già da ora i tempi, ma noi, almeno per quanto riguarda la gestione Agea, verificheremo le modalità di assegnazione».

L’augurio di Cracolici è che «le pratiche vengano snellite e gli anticipi arrivino entro il 2017. Sono sicuro che sarà così, e che la maggior parte degli agricoltori che ha fatto domanda riceverà tutto entro l’anno, insieme alle anticipazioni che restano ancora da pagare, relative al 2015 e 2016, ancora in corso di pagamento». Soddisfazione esprime anche la Coldiretti Sicilia, che parla di «notizia positiva» in un momento così buio per tutto il settore, ma sottolinea: «sarebbe necessario anche pagare le misure a superficie arretrate, inoltre speriamo che l’anticipo arrivi a tutti i destinatari e non a pochi come è successo negli anni scorsi». L’associazione degli agricoltori tiene anche a precisare «che l’aiuto non può essere una compensazione per la siccità, perché il danno subito dalla mancanza di politiche infrastrutturali è incalcolabile. Adesso che il cambiamento climatico presenta il conto ci si accorge che strutture elefantiache non hanno portato alla qualificazione che ci si aspettava. Noi non vogliamo l’agricoltura dell’emergenza ma vogliamo produrre e guadagnare mercati con le nostre forze».

Intanto, dopo l’estate torrida, si avvicina il pericolo temporali, e arriva il monito del capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, che ha scritto ai presidenti delle Regioni, ai prefetti, all’Anci e all’Upi invitando tutti «a prepararsi al meglio per affrontare il maltempo autunnale che potrebbe determinare effetti pesanti sulla popolazione e sul territorio».

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Ismett, via il tumore senza bisturi Intervento rivoluzionario a Palermo

Read More →