Loading...
You are here:  Home  >  Costume e Società  >  Current Article

Fuga dalla Sicilia: nel 2017 in 10 mila si sono trasferiti al Nord o all’estero

By   /  3 gennaio 2018  /  No Comments

    Print       Email

Dati Istat, emigrazioni in aumento rispetto al 2016. E’ come se ogni anno una cittadina si svuotasse. L’Unione degli Studenti Sicilia: “Lavoro precario che sottomette quei pochi giovani che decidono di restare. Qui c’è un tasso di disoccupazione fra i più alti d’Europa”

Migliaia di siciliani in fuga dalla Sicilia per trasferirsi al Nord o all’estero. Sono tantissimi i giovani ragazzi isolani che nel 2017 hanno scelto di studiare fuori dalla Sicilia. In tutto ben 51.441 che hanno preferito continuare gli studi in atenei del Nord e tra questi, i più gettonati, Pisa, Bologna e Torino. Giovani che partono in cerca di lavoro e meritocrazia: ogni anno è come se una cittadina si svuotasse.

Numeri commentati dall’Unione degli Studenti Sicilia: “Siamo stati colpiti dal dato sull’emigrazione che affligge la nostra regione: secondo dati Istat nel 2016 sono scappate da questa regione quasi diecimila persone, e in questo 2017 si stima che le emigrazioni siano in aumento rispetto all’anno precedente. Questi dati non fanno che confermare le nostre denunce verso una Sicilia malgovernata, che non ha saputo investire nel futuro dei suoi giovani. Da tempo chiediamo un serio piano di investimenti nel mondo del lavoro, che oggi si manifesta come lavoro precario che sottomette quei pochi giovani che decidono di restare nella loro terra. Del resto non è neanche una novità che nella nostra regione il 48% della popolazione vive sotto la soglia di povertà, con un tasso di disoccupazione fra i più alti d’Europa: quasi il 40%”. 

“Chiediamo che si investa sui bisogni della popolazione – si legge in una nota – che si interrompano gli investimenti verso piani dannosi e inutili verso i siciliani, come il Muos; e chiediamo che finalmente si inizi a lavorare su una legge regionale per il diritto allo studio. Non stupisce scoprire che siamo l’unica regione che non ne possiede una, eppure la prima regione per abbandono scolastico. Proprio perché i governi della nostra regione non hanno mai inserito tra le loro priorità l’aiuto alle famiglie che non possono mandare i loro figli a scuola per consentir loro un’istruzione dignitosa. La nostra campagna I Diritti Non Si Isolano vuole sensibilizzare proprio su questo tema, per trovare i colpevoli dei tragici dati della nostra regione e finalmente per iniziare a investire sul benessere e sui servizi degli indigenti della nostra regione. E’ ora che si inizi a mobilitarsi per il futuro dei giovani di questa regione”.

 

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Gastroenterologia: Al via l’endoscopia capsulare all’ospedale di Salemi

Read More →