Loading...
You are here:  Home  >  Ambiente  >  Current Article

Calatafimi Segesta: No ai colori politici. Si a salute ed ambiente. Riassunto di un momento di incontro contro il gassificatore fallito

By   /  5 gennaio 2018  /  1 Comment

    Print       Email

Pubblichiamo lettera scritta da Giuseppe Ferrara (uno dei blogger di Calatafimi Segesta News).

Premesso che l’incontro di ieri sera per la costituzione di un comitato “No Inceneritore/Gassificatore a Calatafimi Segesta” non è stato da me organizzato ma bensì sostenuto e pubblicizzato dopo aver ricevuto l’invito, visto il fine nobile che voleva avere.

Premesso che prima di ieri sera non vi è stato, purtroppo, nessun incontro tra me e la promotrice dell’evento, nè con altre persone interessate.

Premesso che era stato proposto dai promotori che in questo primo incontro non doveva essere fatta informazione ma che doveva avvenire solo la costituzione del comitato in base alle informazioni già a conoscenza di chi voleva attraverso articoli e progetto consultabile presso l’Ufficio Territorio Ambiente del comune di Calatafimi Segesta. Decisione rivelatasi sbagliata perchè l’invito che girava ha fatto credere alle molte persone intervenute, che, forse giustamente, prima della costituzione del comitato sarebbero state date informazioni.

Mi permetto di dire che quello che è successo questa sera ha un sapore amaro, anzi amarissimo !!!

Di fatto quello che doveva essere un momento di unione contro un possibile male comune, cioè il progetto di un impianto che, come riportato dalla relazione Lega Ambiente, sembra essere a tutti gli effetti un gassificatore/inceneritore, a parer mio si è trasformato in uno squallido scontro politico. 

Purtroppo devo prendere atto di essermi trovato in mezzo ad una mera faida politica, quando invece la mia intenzione, quella della raccolta firme da me stesso avviata (abbiamo superato le 3700 firme) e l’informazione pubblica finora fatta sull’impianto in questione proprio attraverso questo blog, non hanno assolutamente un fine politico ma di esclusiva tutela della nostra salute e del nostro ambiente. 

Breve riassunto di quanto successo ieri sera 

L’incontro è iniziato alle 18:00 circa con un’affluenza che superava le 80 presenze, tra queste il Sindaco e due degli assessori attualmente in carica. L’ultima dichiarazione ufficiale e pubblica da parte dell’amministrazione ricordiamo che era il parere favorevole alla creazione dell’impianto. Vedere quindi la loro presenza all’interno di una riunione per la costituzione del comitato a favore del no, era alquanto strana. Iniziato l’incontro, per cercare di far subito chiarezza sulla presenza del Sindaco e degli assessori, l’avvocato Donatella Anselmo ha chiesto se fossero lì per aderire al comitato, senza però ricevere una risposta chiara ma invece loro chiedevano che il Sindaco potesse parlare ed esporre cosa aveva da dire. Dopo varie discussioni questo non è stato concesso dando vita a quello che è sembrato essere un vero e proprio scontro politico visto le persone coinvolte. Sindaco e assessori, dopo l’invito dell’avvocato ad andar via perché proprietà privata (cosa che forse andava evitata), hanno abbandonato la stanza lasciando però ai presenti dei documenti e dando vita ad un dibattito fuori dal locale. 

Prendendo visione dei documenti lasciati, che al contrario di quello che sostenevano, non erano mai stati resi pubblici prima di questa sera perchè trattasi di email pec scambiate tra Assessorato Regione Sicilia, Comune di Calatafimi Segesta, Lega Ambiente e l’azienda Solgest, si evince che l’amministrazione ha revocato in autotutela il precedente parere favorevole visto che tra le varie condizioni per il rilascio di questo, vi erano anche le seguenti:

  • il progetto “rispetti e tuteli l’ambiente e il paesaggio rurale circostante;
  • il progetto “garantisca il rispetto delle normative in vigore riguardanti l’esecuzione delle opere in oggetto”.

entrambi i punti, secondo la relazione di Lega Ambiente, attualmente non rispettati visto la mancanza di parte della documentazione necessaria ai fini della realizzazione del progetto e visto che si tratterebbe di un inceneritore/gassificatore.

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Quello che ancora non si spiega è come sia possibile che l’amministrazione:

  • pur avendo il progetto completo depositato e reso pubblico presso l’ufficio Territorio Ambiente del Comune di Calatafimi Segesta;
  • pur avendoci invitati quando abbiamo scritto il primo articolo sulla vicenda ad informarci meglio, cosa che abbiamo fatto recandoci all’ufficio territorio ambiente e constatando che venivano trattati 130.000ton di rifiuti di cui 70.000 RSU ad alta temperatura e con processo di combustione/ceneri;  

abbia espresso parere favorevole con la scusa che non era stato loro comunicato anche il trattamento di rifiuti solidi urbani (RSU). Da chi gli doveva essere detto? Non dovevano LORO LEGGERE il progetto prima di dare parere favorevole su una cosa così importante? Non era il caso di avvisare prima dell’inizio della riunione, qualsiasi persona interessata alla costituzione del comitato, che loro sarebbero intervenuti in veste istituzionale per informare di aver revocato il parere favorevole e quindi erano a supporto della costituzione del comitato, evitando così quello che successo ieri sera per mancanza di comunicazione?

Dall’altro lato, invece, ho visto alcune persone che volevano formare il comitato, più interessate ad andare contro l’amministrazione e sottolineare questo ed altri loro possibili errori piuttosto che placare gli animi e unirsi per il vero motivo di tutto…. DIRE NO AL GASSIFICATORE/INCENERITORE. Inoltre il modo in cui è stata gestita la situazione ha continuato ad aumentare il fermento esterno provocando il dirottamento dell’attenzione dal no al gassificatore e costituzione del comitato, a discussioni varie ed inutili al fine ultimo.

 

Colgo l’occasione quindi per dissociarmi da entrambe le fazioni e ribadire l’intenzione di creare un comitato totalmente apolitico che continuerà con la raccolta firme già avviata e intraprenderà le dovute iniziative per tutelare la salute e l’ambiente dei calatafimesi e non solo.

Naturalmente avendo appreso solo ieri sera della revoca in autotutela da parte dell’amministrazione, sarebbe un piacere averla a sostegno del comitato che si creerà lasciando alle spalle fin quanto fin ora accaduto per concentrarsi su un percorso comune. Sono altresì convinto che la costituzione di nuovi comitati daranno forza a quelli già esistenti in un clima di collaborazione per la tutela della nostra salute e del nostro ambiente. 

Presto pubblicheremo il giorno di riunione del comitato che andremo a creare dove saremo felice di invitare l’amministrazione per esporre informazioni che possono essere utili a tutti. 

 

 

 

The following two tabs change content below.

calatafimisegestanews

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.
    Print       Email

About the author

Calatafimi segesta News è un sito/blog di informazione, costruito attraverso la piattaforma wordpress. Nasce con un semplice scopo, produrre VERA informazione. Oggi il 99% dell’informazione che ci arriva attraverso giornali, tv e a volta pure blog è pilotata e piena di interessi. La maggior parte dei giornalisti odierni è imprigionata in logiche politiche, imprenditoriali, clientelistiche, ma non solo ! Il giornalista odierno tende all’arrivismo e quindi all’esagerazione, trasforma storie banali in scoop attraverso articoli che distolgono il lettore dalla realtà dei fatti, e chi sono le vittime di tutto questo? Le vittima siamo noi Cittadini che, subiamo passivamente, questa mole di informazioni pilotate, cosa che non ci permette di avere un quadro chiaro su quello che sta avvenendo in realtà a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

1 Comment

  1. Valentina ha detto:

    Legambiente si scrive attaccato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Blog Calatafimi Segesta News ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001, non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale.
    L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.

  • La responsabilità dei contenuti pubblicati, compresi i contenuti importati da siti web esterni ricade esclusivamente sui rispettivi autori. La consultazione delle informazioni e l’utilizzo dei servizi offerti da questo blog costituisce accettazione esplicita del Disclaimer.

    Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
    Saranno immediatamente rimossi.

You might also like...

Cancro: ricercatore italiano scopre la ‘droga’ dei tumori che toglie energia alla malattia

Read More →